FILTERS
Speakers
 
Order of the day
Advanced Search
Types of Searches
Without these words
DEFINE RANGE PERIOD
Order
CONTRACT
EXPAND
CLOSE
Logo Magnetofono
Introduction
This organization has made available to the public the transcription of our recordings. It is possible to view them in live streaming (with a little time delay) or fully on demand, with benefits for hearing impaired people. Here are the main features of our services:
Live streaming
How it works: click on “live videos” if live streaming is available, it is possible to view the live video streaming.
How it works: During the live streaming, every recording is enriched with comprehensive subtitles, with benefits for hearing impaired people. Click on “ON DEMAND”, select the preferred recording and click on the “play” button to start the playback.
Click on “CC”, at the bottom-right of the video, to enable/disable the subtitles.
Media library
How it works: In the “On demand” section it is possible to access to the archive of all recordings managed by this service.
For each recording, these features are available:
  • Comprehensive transcription of the recording;
  • (If set) the list of all the speakers in time order and the arguments of the agenda.

The media library is completely browsable.
Researchable archive
How it works: It is possible to perform various kinds of searches.

- Simple search:
  • Speaker: it is possible to select one or more speakers attending the recorded event (if speakers are indexed).
  • Agenda argument: it is possible to select only those recordings that have some specific argument treated.
  • Date or time span: This option allows selecting the recordings of events held in a specific date or during a specified time interval.

- Advanced search: it is possible to search single words, names, phrases, arguments treated during the recorded events and the result of the search will be a list of all those recordings in which the searched term has been treated. Then it is possible to listen to the recording in the precise instant where the searched words are pronounced.
Logo Magnetofono
FAQ - Domande frequenti
Sono sulla pagina del video, ora cosa posso fare?
Risposta
Come faccio a seguire il consiglio in diretta streaming?
Risposta
Posso seguire la diretta streaming con i sottotitoli?
Risposta
Ho selezionato un video da riprodurre, quali sono le opzioni a mia disposizione?
Risposta
Quali sono i comandi del riproduttore?
Risposta
Come faccio a seguire la differita sottotitolata tramite la scaletta?
Risposta
Come faccio a seguire la differita sottotitolata leggendo anche la trascrizione?
Risposta
Come faccio a attivare/disattivare i sottotitoli?
Risposta
Come faccio a cambiare il volume audio del riproduttore?
Risposta
Cosa posso ricercare?
Risposta
Come faccio ad effettuare una ricerca per Oratori
Risposta
Voglio effettuare una ricerca per un oratore, ma non lo trovo nell’elenco degli oratori.
Risposta
Come faccio ad effettuare una ricerca per Ordini del giorno
Risposta
Come faccio ad effettuare una ricerca avanzata?
Risposta
Come faccio ad effettuare una ricerca per Periodo?
Risposta
Vorrei avere un esempio completo di una ricerca.
Risposta
Logo Magnetofono
Contact us
Phone
800 91 50 37
Email
ON TOP

C.c. Forlì del 25.10.2021, ore 15.30

DATE: Monday 25 October 2021 - 15:30
FILE TYPE: Video
Transcription
Revision

Dare il numero legale, grazie.

Buon pomeriggio, Ancarani.

Assente Ascari, presente Bagnara presente.

Balestra presente.

Bartolini, eccomi qua.

Bassi esente.

Beh, dei esente.

Bentivogli presente.

Biondi.

Assente.

Briccola anni.

Presente.

Brunelli presente.

Calderoli risente.

Catalano presente.

Ceredi presente.

Costantini.

Assente.

Drogheria presente alle mani presente.

La Saponara.

Assente.

Marchi.

Presente.

Massa presente.

Minutillo.

Assente Morgagni.

Assente Morra, presidente Pompignoli.

Assente.

Portolani.

Prati presente.

Rinieri.

Presente.

Rivalta, mi sembra che sia un tema giustificato ha mandato una comunicazione rivolta, è assente, Samorì.

Presente.

Tassinari, presente, Zanotti.

Assente Datini presente.

Zattoni,

Assente i Consiglieri presenti sono in numero di 23 gli assenti, il numero di 10. Grazie al dottor PD, quindi il Consiglio è regolarmente convocato, invito il tecnico da avviare l' inno di Italia.

Grazie, allora per prima cosa indichiamo gli scrutatori per la.

La riunione di oggi, quindi, Maria Teresa Rinieri e Marco Catalano e la consigliera prati bene come prima cosa devo fare una comunicazione che avevamo già condiviso con la Capigruppo, perché 29/11 sarà probabilmente necessario inserire un Consiglio ulteriore e.

Avevamo concordato con i Capigruppo, eventualmente se è possibile, stante la mole di lavoro in elaborazione, eventualmente di far accorpare uno dei due Consigli dell' 8 del 22, adesso stiamo verificando la quantità di argomenti che sarebbero previsti.

Comunque il 29, quasi sicuramente sarà necessario prevederlo, quindi questo soprattutto per i Consiglieri che eventualmente devono pianificare anche la loro attività lavorativa o familiare prendano nota di questo 29/11, poi ieri ci sono state le elezioni dei quartieri CO, sempre in Capigruppo abbiamo concordato di fare una comunicazione del Presidente che però giustamente,

Si delega l' assessore.

Di riferimento che l' Assessore cinturino, che comunicherà i dati e i risultati di queste elezioni, quindi lascio la parola alla all' Assessore Centorrino, scusi Presidente, sull' ordine dei lavori io ho segnalato alla Conferenza dei Capigruppo che c' erano difficoltà tecniche di collegamento, quindi io non ho preso atto di questa comunicazione da parte della Presidenza quindi sinceramente ritengo che insomma non ci sia l' unanimità con riferimento a questa decisione,

Bah, mi sembra che.

RFI era al momento della discussione di questo punto all' ordine del giorno direi che non so io non ero presente, quindi sicuramente non ne ho preso atto, non mi sono espresso né sono stato aggiornato nel momento in cui sono riuscito a collegarmi da remoto per difficoltà di natura tecnica e poi sono riuscito a essere pure in presenza quindi direi che su questo punto non c'è l' unanimità della Conferenza dei Capigruppo.

Se non c'è un' espressione di voto, non avendo una vecchia, ha chiesto anche di intervenire per lo stesso ordine dei lavori 30 secondi, perché abbiamo fatto la Conferenza dei Capigruppo, i Capigruppo che c' erano possono assolutamente confermare. Abbiamo discusso il punto dal Presidente, ha chiesto a tutti i Capigruppo se c' era un accordo di parlare cinque minuti per l' elezione dei quartieri a parte Assessore del centralino, nessuno ha detto niente, anzi tutti eravamo d' accordo. Il Consigliere alle mani, che era collegato da remoto in più occasioni, è stato chiesto se eravamo d' accordo o meno. Qui non vedo, non vedo difficoltà. Poi se adesso si cambiano, mi perdoni mi perdoni collega Treu per prima di intervenire, per favore, chiedete la parola. Tra l' altro aveva chiesto di intervenire sempre sull' ordine dei lavori. La bassi Oris. Ho visto male, no, è già intervenuto, sì, sì, giusto per dire sigarette opinioni nel momento in cui lei evidentemente mi dice mi fa una domanda, mentre su un collegato da remoto e io non le rispondo perché io non le ho dato risposta e non risulterà nessuna mia risposta verbale quando io riesco a collegarmi da remoto e poi vengo in presenza, non mi rifà la stessa domanda e io effetti e quindi non ha ricevuto nessun riscontro da parte mia. Cosa pensa che io riesca a dirle ora che devo prendere atto di questa scelta, rispetto alla quale evidentemente si è voluto procedere in mia assenza,

Io sono dispiaciuto, ovviamente, però, colleghi, e nel momento in cui poi io sono presente, non mi rifaccio la stessa domanda e non me lo fate neanche sapere. Ah, scusi, non ho capito che lei non vuole che venga fuori un documento relativo alla relazione sulle sull' andamento delle elezioni dei quartieri. Sono guardi, guardi, guardi, guardate. Se questo deve essere un punto all' ordine del giorno, io vorrei giusto segnalare questo se è una comunicazione della Presidenza, la Presidenza non può delegare ad altri la discussione di un punto se un punto all' ordine del giorno e c'è un dibattito tutto il Consiglio comunale può intervenire, quindi questo è quello che è il Regolamento. La Presidenza non può delegare una comunicazione a un Assessore perché sennò diventerebbe un punto all' ordine del giorno sulla tutti dovrebbero aver diritto di intervenire. Quindi guardi da regolamento.

Quindi chiedo venia, ma direi che non c'è unanimità su questo punto, procediamo con l' ordine del giorno normale, allora mi dispiace che Consigliere alle mani perché in realtà questa questo percorso l' abbiamo fatto altre volte, dove il Presidente ha preso la parola per comunicazioni adesso se vuole non mi mette a guardare quando è già successo ma almeno uno o due volte quando ero io Presidente e non mi sembra che ci siano mai stati problemi mi sembrerebbe molto peggiore il discorso di non informare il Consiglio dell' andamento delle elezioni dei quartieri,

Chiaramente, tra l' altro, per le comunicazioni del Presidente è previsto che possa intervenire uno per Gruppo, tre minuti però prego Consigliere Biondi.

Io i io.

Collega, collega Sofien, rimango un po' così interdetto quasi allibito, ora la partita di ieri importa, io poi dirò quello che penso nel tempo, voglio dire, non ho fretta.

Ma la partita di ieri ha comunque una partita che la città ha vissuto in un certo modo ora.

Non solo dal punto di vista politico, una comunicazione da parte dell' Assessore che ha seguito la questione ci sta, ma ci sta anche che lei sia attento e nei rapporti e nelle relazioni, al punto da non dire che questa cosa gare che gridare allo scandalo perché l' assessore fa una comunicazione,

Posso capire che lei voglia dire per i tre minuti che diceva il Presidente e la sua opinione, questo forse dal punto di vista politico gita, ma che lei dica e forma e si formalizzi rispetto al fatto che il Presidente dia la parola all' assessore che si è occupata l' assessore con delega.

Perché naturalmente racconti di episodi era narri la la vicenda che si è conclusa stanotte sui sui quartieri. Questo mi sembra, dal punto di vista politico, inaccettabile, mentre invece considero possibile il fatto che lei voglia esprimere anche brevemente una considerazione, ma che lei dica di no ad una roba del genere e si formalizzi sul fatto che il Presidente non può che va messa all' ordine del giorno. A me pare non solo una scortesia, ma anche un atto irricevibile dal punto di vista politico. Quindi, per quanto mi riguarda, una informazione, poi se io ritengo di dover dire qualcosa per i per il minuto e mezzo che mi spetta, dirò la mia opinione.

Andiamo avanti, se no, senza relazione del consumo e dell' Assessore noi siamo disponibilissimi. Io mi limitavo a sottolineare un fatto di procedura che sono le regole, cioè nel momento in cui si fa una domanda, io non posso dai andiamo avanti esclusivo, no, vorrei, diciamo, deve andare avanti perché perfetto, perso troppo tempo, intervenga l' Assessore, intervenga, l' Assessore e poi ciascuno che vuole intervenire su questo punto potrà farlo benissimo, però ribadisco e tengo a precisare che queste sono le modalità con cui è avvenuta questa decisione. Per correttezza, sì, però, nelle mani noi eravamo tutti i sistemi, se lei non aveva problemi la la, la possibilità di collega Rinieri viviamo. Abbiamo già chiarito, va bene, quindi Assessore, vista la situazione, l' Assessore dice che, visto che non non c'è la possibilità di intervenire in modo sereno e andiamo avanti allora il primo argomento riguarda il bilancio di previsione. 2021 2023 variazione, applicazione, quota parte dell' avanzo di amministrazione 2020 ah no, scusate,

Nella così visto che non mi aspettavo questa cosa, mi ero dimenticata che c'è un question time presentato dal consigliere alle mani e quindi gli lascio la parola per i question time.

Il Presidente, io in realtà vedo che ci sono molti colleghi di maggioranza che sono preoccupati del fatto che l' Assessore no no no, scusi la interrompo perché non è ordine dei lavori, niente, lei deve intervenire su questo tema se vuole presentare il question time va bene se no andiamo avanti.

Io lascio volentieri la parola, se è necessario.

Andiamo avanti, prego, consigliera le mani, abbiamo preso atto della sua lamentela e andiamo avanti, prego,

Perfetto perfetto, la prego, per favore invito il Consigliere a presentare question-time.

Scusate.

Posso prendere la parola, Presidente, a che titolo ordine dei lavori?

Allora, cioè io su questa questione sinceramente sono sbalordito perché c'è l' Assessore di riferimento, dopo che ieri c'è stata una tornata elettorale civica, quindi dal punto di vista politico, in teoria noi in teoria anche in pratica nessuno deve dire nulla, è semplicemente un' esposizione dell' assessore di come sono andate prego. Lascio la parola all' assessore, il capogruppo del partito, vorrei interromperla Bentivogli, perché siamo già andati avanti e quindi passiamo già question time. Mi sembra che anche l' attivando, attivando, abbia intenzione.

Di esporre i risultati in una situazione di tensione di dibattito e discussione,

Invece.

Scusate, invito di nuovo i Consiglieri Alemani a illustrare il question time Lega 20 voglia ha chiesto giustamente no e siamo già andati avanti non se ne discute più. Prego sull' ordine dei lavori, sull' ordine dei lavori il collega Bentivogli ha chiarito qual è la questione. A questo punto io sono tenuto a fare una precisazione. Sono perfettamente d' accordo che si faccia una informativa sull' andamento dei quartieri in Consiglio e che quindi poi ciascun gruppo possa intervenire per tre minuti, quindi sono anch' io d' accordo. Lascio la parola all' Assessore Centorrino, no, no, guardi che non darei la parola alle persone se vuole intervenire e presentare questo un tema, andiamo avanti.

Se lo vuole illustrare il question time presentato, passiamo agli argomenti all' ordine del giorno perfetto, prendo atto del fatto che, dopo che ho lasciato la parola, mi viene riconsegnato no, no, scusi, la interrompo è che non c' erano, i prima, ha fatto una cioè non non ci prendiamo in giro per favore prego illustri question time.

Bisogna chiarirsi le idee, immagino no, non bisogna fare delle polemiche, poi tirarsi indietro, prego dunque dunque sostiene, bisogna che la prossima volta vi interrompo, tutti andiamo avanti, per favore, di non far parlare l' Assessore, bisogna che la prossima volta vengano retta pratica della Capigruppo visto che è stata lei a dire di non far parlare se andiamo avanti grazie andiamo avanti, non si è,

Scusi, scusi Presidente, visto che sono stata presa.

No, io vorrei che non ho visto che chiedeva di intervenire, chiedo la parola sull' ordine dei lavori, allora io credo che in questo Consiglio ci debbano essere dei metodi e delle regole quando le regole non vengono rispettate. Sì, si puntualizza che non è stata rispettata una regola, quindi è inutile adesso fare tutte queste polemiche da parte vostra. I sorrisini, gli attacchi ci sono delle regole che vanno rispettate. Ci si mette d' accordo se il nostro capogruppo in quel momento non era in condizioni di poter rispondere o non ha sentito una domanda ed è stata presa una decisione che comunque è una decisione. Scusate se, se posso parlare, se mi permettete di parlare, sì, però bisogna essere sintetici. Nell' ordine dei lavori è stata presa una decisione senza la presenza del nostro Capogruppo, questo l' ha evidenziato. A quel punto abbiamo detto l' assessore può parlare nel caso in cui noi possiamo poi, come Capigruppo, avere la possibilità di i tre minuti di discussione. Non ritenete necessario a questa questa puntualizzazione. Quindi siete voi a questo punto che decidete che non deve parlare l' Assessore guardi, io vorrei solo fare presente una cosa che la Capigruppo era regolarmente convocata, eravamo tutti presenti il Co, la immagine del collega alle mani risultava illuminata, era intervenuto poco prima, quindi noi non possiamo sapere se uno non è in grado di intervenire perché chi c' era erano tutti favorevoli. Poi dopo non abbiamo potuto controllare lui, quindi questo giusto per precisare prendiamo ragione prefigurate. Infatti le dico sono d' accordo, noi non andiamo avanti,

Sono d' accordo con lei, quindi, se vuole parlare assessore, dunque question-time.

Interrogazione a risposta immediata all' assessore Petretto. Immagino premesso che recentemente la segnaletica orizzontale della via Bertini è stata oggetto di modifiche, considerato che numerosi cittadini e cittadine segnalano l' aumentato rischio nella percorrenza della medesima via, sia per gli automobilisti sia per coloro che utilizzano la bicicletta. Considerato che il lato di via Bertini su cui insistono i civici, pari nel tratto tra l' incrocio con la via balzelli all' incrocio con la via or Cevoli già presenta un percorso unico pedonale ciclabile, più protetto ma dissestato, della RDC degli alberi, tanto premesso e considerato, interrogo il Sindaco e la Giunta per sapere se è intenzione dell' Amministrazione rivedere la segnaletica di via Bertini.

Scusi, Presidente, chiedo che però venga fatto silenzio, perché se no è inutile che mettiamo tutti a.

Non fare confusione, grazie, interrogo, il Sindaco e la Giunta per sapere.

Per favore, interrogo il Sindaco e la Giunta per sapere se è intenzione dell' amministrazione rivedere la segnaletica arrivi a Bertini avviando la manutenzione dei percorsi ciclopedonali già presenti.

Grazie alle mani, prego, Assessore predetta, grazie Presidente, buon pomeriggio a tutti il question-time mi dà occasione per ribadire quanto già in più circostanze ho comunicato riguardo la percezione sulla sicurezza circa l' aumentato rischio della percorrenza sulle strade, oggetto di interventi di realizzazione di corsie ciclabili.

Sia per gli automobilisti che per coloro che utilizzano la bicicletta, questi progetti nascono da una recente introduzione normativa del Codice della strada da settembre 2020,

Sono una soluzione consolidato in molti Paesi del nord Europa, rappresentano invece un' importante novità per l' Italia, adottato ormai in buona parte delle città di medio e grandi dimensioni. Nello specifico, questa Amministrazione ha approvato con un primo stralcio la realizzazione delle corsie ciclabili lungo l' asse nord-sud cardo della città in esito al monitoraggio scaturito dal progetto al lavoro in bici, progetto che ci ha restituito un dato rilevante, cioè che quell' asse stradale fra i più frequentati in città da biciclette, la realizzazione delle corsie ciclabili ha di fatto rappresentato visivamente la porzione di carreggiata, quindi che era già utilizzata dai ciclisti, rendendola che concretamente tangibile, con una colorazione verde e nei punti di intersezione rossa per rendere maggiormente percepibili all' incrocio con altri veicoli, questa manifesta e palese rappresentazione delle corsie ciclabili induce una maggiore attenzione a tutti i fruitori della strada, a partire dagli stessi ciclisti che ora dispongono di una direttrice chiara.

Ai conducenti dei veicoli che in fase di parcheggio, ripartenza che sono maggiormente attenzionate dal fatto che sulla strada sono presenti anche biciclette.

Ed infine, e non meno importante, anche a tutte le auto e i mezzi che transitano lungo lungo la strada che, per effetto della razionalizzazione degli spazi, sono tenuti a un comportamento più virtuoso, era circolare con velocità più ridotte e consono al centro abitato, così come di fatto si è verificato in esito ai monitoraggi post esecuzione degli interventi.

Come previsto in progetto, questa nuova introduzione delle corsie ciclabili può esser quindi ritenuta quindi una soluzione ancora di tipo strumentale, ancorché, appunto, pienamente rispondente alle normative vigenti, ed è chiaro che, in linea generale, ha poco senso mantenere un duplice percorso per i cicli sullo stesso asse stradale, in tale ottica è corretto quindi che la realizzazione delle nuove corsie ciclabili in carreggiata su via Bertini si è accompagnata dalla dismissione della funzione ciclabile del preesistente percorso ciclopedonale promiscuo sul marciapiede, con conseguente miglioramento anche della fruizione pedonale.

Interventi di dismissioni che sono tutti stati realizzati da parte dell' appaltatore. Complessivamente ad oggi sono stati rimossi circa una cinquantina di cartelli, tra cui i segnali, appunto, relativi alla pista ciclopedonale. Faccio presente che in alcuni tratti di via Bertini in corrispondenza delle rotatorie, i cartelli di pista ciclabile, probabilmente quelli oggetti del question-time del Consigliere, soffiano alle mani, sono rimasti per dare la possibilità ai velocipedi di evitare la rotatoria, utilizzare i percorsi ciclabili ciclabili a ridosso delle stesse che sono rimasti. Aggiungo inoltre che quindi, previsto una futura sistemazione anche dei percorsi pedonali, tenuto conto anche del fatto che il tratto di strada di via Bertini in questione sarà oggetto, nel medio termine di specifico e importante, invasivo intervento di potenziamento della rete fognaria per le annose criticità presenti nell' isolato.

Grazie Assessore predetta, invito la il Consigliere alle mani per la replica, grazie Presidente, grazie Assessore, ma io sinceramente non ho compreso, dobbiamo dismettere i percorsi ciclopedonali attualmente esistenti per consentire che cosa il percorso ciclabile, la corsia ciclabile in quel tratto di via Bertini è ritenuta da chi la utilizza e io abito in via or Cevoli per fare un esempio più pericoloso di quello che era l' asse stradale precedente. Qui, perdonatemi, c' era una una corsia ciclopedonale già presente che è semplicemente dissestata dalle radici, che quindi necessita semplicemente di manutenzione.

Io chiedo, insomma, che l' Amministrazione prenda atto del fatto che sia gli automobilisti, sia chi utilizza la bicicletta considerano quel tratto di corsia più pericoloso, perché per chi utilizza quel tratto, si renderà conto che deve fare improvvisamente in prossimità dell' incrocio con la via Valsella uno spostamento del veicolo che sia bicicletta o a automobile quasi ad angolo, perché è stata ridotta e ampliato reciprocamente da una parte e, dall' altra, la carreggiata e dalla e d' altra parte, la corsia ciclabile è stata spostata verso il centro dell' asse stradale per formalizzare i parcheggi su una parte della strada di via Bertini. Perdonatemi, ma ribadisco che è stato anche recentemente un tamponamento proprio in corrispondenza di quell' angolo di corsia. Credo che sia evidente che quel tipo di segnaletica non funziona e non ha migliorato la situazione. Chiedo quindi che venga predisposto all' Amministrazione un piano di manutenzione dell' asse dico di per percorso ciclo pedonale in modo tale da consentire. Almeno a chi alle ore di punta possa essere sicurezza considera le mani. La devo invitare a chiudere perché si tratta di un question time, quindi il tempo è già finito.

E chiudo e quindi, nel momento in cui verranno svolti i lavori per sistemare la fognatura, di predisporre a questo punto una corsia.

Non più una corsia ciclabile, ma una vera pista ciclabile, come è avvenuto su via Correggio, e solo per fare un esempio. Qui ho chiuso la via corretta e la nuova pista ciclabile a Correggio ha praticamente una illuminazione che la via Bertini che frequentata 10 volte di più non ha, quindi, credo che ci sia anche qui una questione di grazie la interrompo, perché siamo andati oltre coltempo del question time e passiamo adesso all' ordine del giorno. Quindi, il primo argomento che l' 86 riguarda il bilancio di previsione 2021 2023 con le variazioni, l' applicazione di quota parte dell' avanzo di amministrazione 2020 abbiamo qui l' Assessore Cicognani, che lo illustra buonasera,

Allora.

Mi sembra che sia in Commissione sia stato sviscerato ampiamente tutta la variazione, anche perché, se non mi ricordo male, abbiamo ha giustamente, dal mio punto di vista, consesso due ore 02 ore e mezzo di discussione e di spiegazione della variazione in oggetto, comunque,

Essendo una variazione molto importante che, dal mio punto di vista, qualifica tutta la città, perché va a toccare i pur tutti i punti salienti di una Amministrazione, due parole.

Le voglio dire prima di tutto voglio dire che,

Il dottor ha risposto alla alle vostra alla vostra domanda e penso che non ci sia bisogno di ulteriori spiegazioni.

E non ho capito.

Quella del progetto Circle Pisani era, io non ho ricevuto nulla sinceramente, però, nel caso scusi, perché interrompe, non non ho capito.

No no, ma era giustamente, ma perché non io penso pensavo fosse arrivati a tutti perché l' anno, l' anno me l' hanno mandata. Comunque vi giusto due parole è perché abbiamo spostato al 2023 2022, perché in realtà il progetto finisce nel 2022 per un mero errore materiale. Era stato inserito anche nel 2020 e 3, quindi il è invarianza di gettito perché era previsto comunque un contributo che in realtà non ci può essere, perché il il, il progetto con si conclude nel 2022, questa è stata la la risposta, in sintesi, molto in sintesi del del dottor Pisani. Niente due parole sulle variazioni. Quelle sono tutte importanti, ma ce ne sono di quelle molto qualificati. La prima di tutto quello con il la collaborazione con.

Laser.

Con cui andremo a realizzare un intervento di riqualificazione tramite il 110%, per un valore di circa 8 milioni di euro. questo utilizzandole la disponibilità, che è la legge del 110, permette perché per i per immobili di proprietà comunale non lo permette, lo permette solo per gli immobili gestiti da ACER e qui anche, come ha fatto anche altre altre azzera, sia dell' Emilia Romagna ma anche di tutta Italia. Anche noi ci siamo adoperati, devo ringraziare tutti gli uffici, sia piacere del Comune perché hanno stanno lavorando in in sintonia e questo mi sembra che sia un bel segnale per tutta una serie di questioni, sempre rimanendo all' interno della delle case ACER. Abbiamo qui una variazione, però, per andare a confermare un contributo che abbiamo ottenuto per la Regione di circa 400000 euro che si va a incrementare quelli che avevamo già messo con altri con altri stanziamenti e quindi andremo a rituali. Continueremo la riqualificazione degli appartamenti ACER, perché voi sapete che quando vengono lasciati per qualsiasi tipo di di motivazione, poi sono molti e sono da sistemare perché sono inagibili. Quindi, con queste due variazioni andiamo a migliorare notevolmente la situazione de delle case di gestite.

Da ACER, poi ci sono varie variazioni che vanno a toccare vari,

Comprensori.

Sportivi, uno fra tutti, ma ce ne sono 5 6 e tutte di uguale importanza, ma uno su tutto e la riqualificazione del campo Gotti per un milione di euro. Qui andiamo a fare una variante, una, una modifica di di distanziamento di finanziamento e lo finanziamo con con mutuo.

Poi ci sono altri interventi sempre molto qualificanti, fra cui la riqualificazione dell' ex Salo vittoria della dell' ospedale Morgagni, che andremo a adibire come sala per il il progetto della salute, che è molto più ampio rispetto al semplice, alla alla semplice Medicina al corso di laurea in medicina, che, devo dire,

È il secondo anno e anche per il secondo anno è stato completamente i posti sono stati completamente esauriti e da quello che mi risulta anche con dato che c'è il numero, il numero chiuso, chi ha chiesto di venire a studiare nell' Ateneo di Forlì.

È di livello perché, ovviamente, avendo fatto i gli esami per partecipare, si vede la qualità di chi chiede di venire a studiare, a fornire questo per me per noi, per questa Amministrazione è una grande vittoria,

Per la città,

Poi ce ne sono.

Tante altre che sono state illustrate in in Commissione.

Non.

Non ci sono anche modifiche e rinvio, per motivi sia di carattere finanziamento che o perché i progetti stanno partecipando a bandi o perché.

Per qualche motivazione e, non ultima, il fatto della COVIP e di qualche inghippo che quel Comune nella progettazione ha avuto tramite anche la progettazione esterna e quindi abbiamo spostato spostiamo del day degli investimenti al 2022 2023, un' altra variazione qualificante sono i 600000 euro che si vanno ad aggiungere a quelli già stanziati nell' anno per arrivare a un ammontare di circa un milione di euro per affidamento di incarichi per progettazione esterna perché molte cose.

Che vengono progettate dal Comune sono sì progettate internamente, però hanno bisogno di di qualifiche che all' interno dell' ente stesso non ci sono tipo fatto, due esempi banali ma giusto farmi capire il discorso della del riscaldamento e o delle o della degli impianti elettrici che all' interno del Comune non ci sono le figure tali per cui si possa utilizzare per la realizzazione della progettazione interna.

Io mi fermerei lascerei spazio alla discussione.

Grazie Assessore, è aperto il dibattito.

Le mani chiede di intervenire, si grazie, Presidente, dunque allora questa variazione di bilancio è un atto molto complesso, effettivamente tocca tutti gli aspetti del bilancio, la parte corrente e la parte del piano investimenti in conto capitale, la stessa applicazione dell' avanzo, quindi ci sono tante sfaccettature in questa variazione di bilancio cosa ci piace, cosa non ci piace o quantomeno cosa riteniamo sia.

Val da valorizzare e cose invece merita. Dal nostro punto di vista, chiarimenti. Allora parto subito, ovviamente, le parti relative ai contributi che Stato e Regioni ci stanno erogando per far fronte ai servizi. Credo di nuovo siano la dimostrazione della leale collaborazione del lavoro interistituzionale relativamente alla situazione che stiamo ancora affrontando di emergenza e quindi non credo che abbiano bisogno di altro commento se non il sincero favore rispetto a questi provvedimenti e che invece, con la.

Variazione in parte capitale, che credo che servono alcuni.

Chiarimenti chiarimenti, non in senso tecnico perché, come ha detto l' assessore, li abbiamo affrontati due per quasi due ore in Commissione, una Commissione anche molto approfondita, che credo che ci sia l' occasione anche di ripetere in futuro chiarimenti chiaramente di natura politica politica, nella misura in cui vediamo in questa variazione di bilancio, lo slittamento di alcuni interventi relativi al Palazzo del Merenda relativi al Palazzo comunale, relativi anche in riduzione a il l' impianto sportivo della cava, sono tutti interventi in variazione che fanno slittare un intervento togliendolo momentaneamente dal Piano degli investimenti in attesa, eventualmente che poi, chiaramente l' Amministrazione lo rimette in forma di progettualità nel piano investimenti del prossimo bilancio di previsione. Ecco, su questi aspetti. Chiaramente, noi a questo punto riteniamo che sia corretto esprimersi nel momento in cui sarà nella nuova pianificazione degli investimenti, con nobile ANCI di previsione, rivedere come l' Amministrazione li rime, li reinserirla negli atti di programmazione. è chiaramente oggi. Con questa variazione vediamo appunto motivata la necessità di far slittare questa progettazione con le motivazioni, insomma, che poi sono state anche dette in Commissione, ma rispetto alle cui opere. Ecco, riteniamo che sia giusto attenzionare la situazione, poi esprimersi quando, insomma, verranno reinseriti nella programmazione in sede di bilancio di previsione. Poi ci sono alcuni aspetti. Se vogliamo più puntuali, c'è stato un' approfondita discussione relativamente a un tema. C'è una una applicazione dell' avanzo che noi facciamo con questa variazione di bilancio, che è utile per installare nella impianto, nel nel complesso del San Domenico dei quadri elettrici che, come ci è stato spiegato in Commissione, servono per poter installare impianti di cucina elettrici che possono essere utilizzati per eventi e iniziative. Anche, insomma,

Per consentire a chi usufruisce di eventuali manifestazioni di momenti di ristoro. Ecco, veniamo da un mese neanche più forse dopo l' approvazione del regolamento che consente di utilizzare il San Giacomo di nuovo qui c'è la necessità di avere dei chiarimenti, perché ribadisco, di natura politica, perché dobbiamo intendere a questo punto, che cosa vogliamo fare, del complesso del San Domenico e in particolare del San Giacomo, nella misura in cui, se con questo avanzo, diciamo, vogliamo consentire che anche dei forniti elettrici delle piccole cucine si possono installare per consentire delle attività conviviali quali cene o pranzi. Ecco, vorrei un attimo capire se allora intendiamo il San Giacomo, che già credo.

Posso avere conferma di questo, ha visto trovare sede luogo di alcune cene e che in prospettiva è già stata pubblicata la manifestazione di una cena di gala all' interno del complesso del San Domenico presso la Sala del San Giacomo. Cosa intendiamo farci a questo punto di questi spazi sui quali la comunità ha investito, tanto perché sono d' accordo, e siamo d' accordo di utilizzare questi spazi per farne grandi momenti di incontro della comunità, come l' incontro un' opera al mese che credo sia vista la partecipazione dei cittadini alla presentazione di un' opera come quella, credo che ci siano invece necessità di chiarire cosa farne in presenza di cene dentro un uno spazio della bellezza del prezzo che noi tutti conosciamo nel momento in cui, anche qualora, come ci è stato detto in Commissione, il pavimento non non fosse vincolato nel senso diciamo del della delle pareti, eccetera, ma nel suo complesso. Si ecco che mi domando, ma pensiamo veramente che il San Giacomo sia lo spazio giusto per fare delle cene al tavolo con seduta o con dei buffet. Io credo sinceramente che su questo bisognerebbe chiedersi se stiamo facendo la cosa giusta e quindi specificatamente se l' investimento che noi stiamo facendo applicando l' avanzo sia corretto oppure no, perché un conto è consentire che nel chiostro, nell' area verde interna del complesso, come già avviene, si possono fare attività conviviali, altra cosa e utilizzare un complesso e la chiesa di San Giacomo per fare delle cene anche perché e qui mi domando forse anche le attività di ristorazione, che sono attorno al complesso del San Domenico, insomma potrebbero, come dire, avere qualcosa da dire in merito a questo.

Qui, per entrare, appunto un po' nella puntualità della variazione in sé, ma chiaramente, essendo un atto complesso di e pieno di sfaccettature, bisogna chiaramente intervenire su sui vari, sui vari punti, quindi, come dicevo prima sulla parte degli investimenti, credo che bisognerà attendere il prossimo bilancio di previsione per vedere effettivamente a che punto è lo stato di attuazione della progettazione, perché su Santarelli e su Palazzo del Merenda, con questa variazione di bilancio per le cose che sulla predetta in Commissione siamo veramente indietro, si sta andando molto a rilento, sicuramente c'è un tema relativo al Covid, ma di nuovo parliamo di spazi che insistono nell' area del centro storico e qui vado a chiudere perché credo insomma di aver praticamente finito il tempo a mia disposizione c'è un tema che abbiamo già sollevato in altre occasioni e che riguarda questa variazione nella misura in cui questa variazione parla di Piano degli investimenti. Se noi guardiamo questa variazione, il piano degli investimenti, come viene modificato la variazione stessa?

In cui vengono slittate le opere più centrali e nevralgiche per il centro storico, e cioè Palazzo del Merenda, questione del Santarelli che, insomma, deve ancora essere chiarita su come si voglia andare avanti lo stesso, la stessa sede comunale, eccetera. Credo che ci sia una questione di nuovo da porre e che porremo in sede di bilancio di previsione, perché la grande parte a questo punto del piano degli investimenti che questa Amministrazione ha cantierata da due anni a questa parte, ha poco a che fare o quantomeno se uno va a vedere il complesso degli investimenti di quel piano non è sicuramente nella zona del centro, sono spostati nella zona razionalista, tant' è vero che noi e qui c'è un' osservazione da fare aumentiamo, con questa variazione di bilancio a un milione di euro di mutui, la valorizzazione dell' area dei dei dei mosaici, prevedendo peraltro la chiusura di quella zona e la sottrazione e quindi alle rispettive scuole, e qui di nuovo ci sarà una questione da chiarire con i dirigenti scolastici, ma se noi, ad esempio, pensiamo che mettiamo un milione di euro di mutui per valorizzare i mosaici, come è giusto, è, ma mettiamo un milione e mezzo di euro per sistemare tutto il corso della Repubblica che a un chilometro di strada, perdonatemi, ma se uno va a fare un attimo, come dire, va a sostanziare un attimo poi qual è il peso degli investimenti? Di fatto, allora si chiede dove sta investendo di più, dove sta investendo di meno. Poi chiaramente, trattandosi corso la Repubblica, presumibilmente ancora una fase di progettazione, nulla esclude che si andrà a vedere Consigliere Albani. La devo invitare a giungere alle conclusioni. Vado a chiudere. si vedrà poi se quell' intervento sarà anche rivalutato nell' intensità del suo finanziamento,

Questo per dare una prospettiva trasversale di quella che è la variazione che noi oggi affrontiamo e rispetto alla quale, dunque, credo che, per quanto riguarda i grandi spazi di cultura che ho citato merenda Santarelli e complesso del San Giacomo, alla luce di questa variazione, sia quanto mai opportuno avere un' audizione per cui raccoglieremo le firme. Ne chiederemo la convocazione con l' Assessore Melandri e il dirigente Benetti al fine di avere chiarimenti in merito al disegno politico di questi spazi di cultura.

Sul resto, cioè sulle opere che vengono slittate al 2022 ma che effettivamente non sono più presenti. Con questa versione del Piano degli Investimenti dovranno essere inserite la nuova programmazione. Attendiamo ovviamente di ricevere nella nuova programmazione l' esito di quelle che saranno le valutazioni dell' Amministrazione nella costruzione del nuovo bilancio, che, immagino, sta già in parte facendo. Quindi lascio poi ai colleghi e all' Assessore in replica, come dire, se è possibile affrontare questi punti, quindi poi procedere poi in sede di voto sulla base della discussione d' Aula. Grazie.

Grazie, consigliere alle mani.

Bene, non ci sono altri interventi.

Balestra.

Sì, grazie Presidente, tre minuti di intervento perché parte del delle opere sono già state sviscerate, i punti salienti dalla dall' assessore preposto, ci tengo comunque a dire che questo è un bilancio di un' Amministrazione del fare perché per quanto riguarda la parte corrente sì, è vero, ci sono dei contributi statali e regionali oppure sono soldi di risparmi, del Comune di alcuni capitoli che vengono utilizzati nello stesso recipiente, ad esempio i 20000 euro di risparmio del pre e post scuola? Li andiamo a mettere nel trasporto scolastico, nel trasporto per i disabili oppure per le rette di asili convenzionati.

Per quanto riguarda l' avanzo, parlando appunto del del San Giacomo e del San Domenico, diciamo che sono spazi polifunzionali che attualmente sono sotto utilizzati. Quindi per renderli più funzionali, abbiamo pensato di utilizzarli nel modo spiegato dall' Assessore. Non si possono usare le fiamme libere, quindi tutto è ad induzione, però i tecnici funzionari dirigenti hanno fatto tutte le valutazioni del caso, quindi, aspettando loro fare valutazioni han detto che è tutto in regola. Perciò noi riteniamo opportuno seguire quello che loro dicono, ecco, tra l' altro la pavimentazione e anche una un' opera giovane, perché è stata costruita vent' anni fa, è stata rifatta la propria la pavimentazione e quindi, qualora ci fossero dei problemi, non non si va a incorrere nelle belle arti. Insomma, c'è un rischio calcolato perché.

Quelle che andranno dentro hanno tutte le autorizzazioni del caso saranno presi degli Stewart e quindi è tutta una cosa calcolata semmai dovessero esserci dei problemi per quanto riguarda la pavimentazione, non si andrà a rovinare un bene storico perché è stata, diciamo fatto una ventina di anni fa,

Per quanto riguarda l' avanzo finanziario, che sono degli interventi di sport, sì, il racket town per 60000 euro, il progetto primus, la bike line, solo 32000 euro di cofinanziamento perché per il resto partecipa allo Stato il polisportivo Monti. Intendiamo mettere se c'è da 600000 passiamo a 260000 per quanto riguarda i campi per l' asilo Santarelli, ci mettiamo circa 300000 euro in più per le case popolari e c'è una collaborazione con ACER e comune, quindi collaborano, si sono individuate delle case dell' abitazione dove si va ad utilizzare il 110% per l' efficientamento energetico. Quindi si riqualifichi il qualificano anche le facciate per renderle più belle e questa operazione a noi nel 2021 ci costa 193000 euro sull' importo totale di 7 milioni 930000, di cui lavori non agevolabili sono circa un milione di euro e questi ce li va a mettere il Comune il Comune, poi per il Buscarini ci sarà una riqualificazione per 120000 euro e anche qui abbiamo giocato in anticipo perché avevamo previsto nel 2021 e nel 2022 siamo stati bravi e l' abbiamo fatto nel nel 2021, poi abbiamo eliminato il Flavio Biondo. Abbiamo eliminato 3 milioni e 200000 euro perché finanziato con dei bandi del fondo cultura, quindi è già pronte già esecutivo, e questo può andare a gara. Il velodromo osservate da 100000 passa a 200000 euro.

Mettiamo altri 100000 euro in più per il chiostro mercuriale, quindi per oneri di telecamere e illuminazione,

600000 euro di oneri, li mettiamo per le progettazioni esterne, il totale insomma arriva a circa un milione.

Diamo 130000 euro per le associazioni sportive, questi sono sono soldi riferiti ad un bando vecchio, la Regione Emilia Romagna ci dà 424000 euro in più per mettere a posto degli altri appartamenti ACER, lo Stato ci da 142000 euro per il rimboschimento nella città di Forlì rifacciamo le facciate esterne del Palazzo Studi quindi facciamo accendiamo un mutuo e ci mettiamo circa 400000 euro il Pala Galassi lo spostiamo nel 2022,

Il accendiamo un mutuo di 640000 euro per il per il polisportivo Treossi, rifacciamo gli spogliatoi, spostiamo il modo di finanziare il Gotti facendo un mutuo di un milione di euro alla Cassa depositi e prestiti, accendiamo un mutuo di 600000 euro per il restauro dell' ex camera vecchie Azzano per la Rocca Ravaldino accendiamo un mutuo per 150000 euro per le opere interne ed esterne insomma,

Questo per noi è una previsione di bilancio più che positiva, perché da quando abbiamo ci siamo insediati al governo di questa città non abbiamo fatto altro che progettare e tuttora non ha, non abbiamo ancora finito quindi questa amministrazione, devo dire che è composta da da persone perbene che hanno voglia di lavorare, di progettare, di rimodernata alzare quella che Forlì senza aggiungere precarietà a quella che c'è già stata negli ultimi vent' anni.

Ecco, ci vogliono persone diligenti, persone perbene, persone che hanno voglia di lavorare,

Per consegnare Forlì, diciamo, alle nostre generazioni, in uno stato ottimale, una Forlì che faccia delle innovazioni un punto fermo, e devo dire che questa Amministrazione si è dimostrata propedeutica perché, parlando proprio di mutui sono segnato dei dati, nel 2019 sia stata consegnata alla città e avevamo 77 milioni di euro di mutui nel 2022, li abbiamo ridotti a 72 milioni di euro nel 2021, li abbiamo ridotti ulteriormente a 64 milioni di euro, quindi ben 13 milioni di euro in meno dal 2019 abbiamo acceso dei mutui, si per 6 milioni di euro, però arriviamo ad un totale di 70 milioni, contro i 77 milioni nel 2019, quindi progettando e mettendo in cantiere diverse opere, le abbiamo comunque ridotti e oggettivo quindi, dati alla mano, fare i complimenti all' Assessore di competenza, fare i complimenti a tutta la Giunta, fare i complimenti al Sindaco perché dal 2000 dal 2019 sia stato in grado di avviare un percorso verso una comunità solidale e questa Amministrazione è stata disponibile subito ad un confronto politico ed aperto leale verso tutti, sa dare risposte e in questi due anni di Covid, perché spesso si dimentica questa cosa, il Covid c'è stato c'è e questa Amministrazione ha dimostrato di saper governare pensando veramente a tutti, proteggendo alla salute di tutti i cittadini, sostenendo le famiglie che avevano più bisogno e sostenendo che le imprese locali, quindi, concludendo, cari colleghi, visto che senza fare nomi, colleghi dell' opposizione dicevano che abbiamo slittato delle opere centrali per dare importanza ad altre opere, io direi che non vi potete lamentare perché semmai e dico se dovreste vincere doveste vincere le prossime amministrative. Nel 2023 potrete campare di rendita nel 2024 poteva campare di rendita per ben tre anni, con tutti i lavori che sono stati messi in cantiere dal 2019 fino adesso ho concluso le ridò la parola, Presidente, grazie.

Grazie consigliere palestra interviene il consigliere Elisa Massa.

Grazie grazie. Grazie Presidente, potrei dire la stessa cosa consigliera.

Sta cantando di rendita per tutti quanti progetti che vi noi vi abbiamo lasciato confermato, oltre all' avanzo, ho confermato questo anche da dalla Commissione, alla quale ho partecipato, nella quale i dirigenti hanno proprio esposto una serie di attività ed iniziative che stanno ovviamente portando a compimento e alcuni invece ovviamente progettati in questi in questi anni vorrei sottolineare poche,

Questioni che però mi stanno particolarmente a cuore. Il l' ampliamento della scuola elementare tempesta e l' adeguamento sismico. E non c'è l' Assessore Kasahara che so che ha seguito questa realizzazione, che appunto era un progetto della scorsa Amministrazione per il quale avevamo ricevuto anche un finanziamento di oltre 800000 euro, in questo caso l' adeguamento sismico per il secondo stralcio e slitterà anche per il conseguente adeguamento, ovviamente che ci dovrà essere a proposito appunto dei.

Numerosi rincari che ci sono stati sono avvenuti a seguito anche della pandemia e sia purtroppo slittati nella realizzazione di questa e quindi nella consegna del primo stralcio, con notevoli disagi per le famiglie e per il personale docente e non docente, e devo dire però con una grande comprensione anche all' interno appunto della,

Del servizio e da parte insomma, di di tutti le persone che ne fruiscono, proprio perché l' intervento è sicuramente di grande rilievo per il quartiere, per la zona, altro intervento che rimane però sempre nello stesso territorio ed è quello del quartiere della cava che mi lascia molto stupita non è.

L' intervento, come diceva la consigliera Balestra di 260000 euro, allora erano stati messi in cantiere 600000 euro, ma con finanziamento dello Stato 19/08/2019, il, l' Assessore Mezzacapo a mezzo stampa diceva che sarebbero serviti 800000 euro che non potevano essere a carico del gestore e che l' Amministrazione avrebbe investito in questo impianto.

A seguito anche, ovviamente, io immagino, delle promesse elettorali che era stata fatta da questa attuale maggioranza,

Cosa succede, succede che questo contributo viene messo e finanziato soltanto a contributo dello Stato, evidentemente i contributi statali con la pandemia è quella crisi che ha dovuto affrontare, non ha potuto finanziarli e questa Amministrazione pensa bene di mettere soltanto 260000 euro che sono quelli a malapena necessari per fare il ripristino e le manutenzioni dei campi quindi non verranno realizzati gli spogliatoi promessi, non verrà realizzato molto di quello che era stato detto molto prima che venisse effettuato l' assegnazione tramite bando e quindi chiedo, non è che ci possa essere una relazione col fatto che chi ha vinto la gestione di quel campo,

E io lo denuncio e io dico non dico mi mi sto domandando se ci possa essere una riunione per favore, io mi sto domandando se ci possa essere una relazione in questo, perché proprio in questo momento sono stati slittato questi lavori che erano stati promessi perché in questo momento sono stati splittati e non lo so,

Io mi domando, ecco, è soltanto una un punto interrogativo che mi faccio e mi pongo.

Ha visto e considerato che appunto erano stati i in più volte più volte riportati la necessità di questi interventi assolutamente necessari per questo polisportivo. Ultima cosa sulla quale vorrei soffermarmi è la vicenda che è legata all' intervento per quanto riguarda il l' utilizzo del San Giacomo.

Come diceva il Capogruppo Sufjan alle mani, proprio quest' oggi termina la possibilità di prenotarsi ad un' iniziativa che verrà realizzata presso il San Giacomo, un' iniziativa che vede la partecipazione della unità sport un' iniziativa organizzata dal Comune di Forlì alla quale i cittadini e chi ne potrà prendere parte, perché sicuramente non è un' iniziativa, diciamo così.

A bassa partecipazione, il con la, diciamo, la quota di partecipazione pro-capite di 38 euro, un' iniziativa in Galan dello sport.

E che io non credo e anche qui mi pongo un dubbio io non so, non sono un legale, non sono un avvocato, faccio l' insegnante, ma io mi chiedo, è possibile che l' Amministrazione comunale utilizzi.

Il proprio conto corrente per ricevere i contributi delle persone che parteciperanno al galà di questo di questa iniziativa sportiva, per partecipare alla cena e alla manifestazione organizzata presso il giorno il San Giacomo, ricordo che nel regolamento che abbiamo approvato, che abbiamo discusso in Consiglio comunale, si faceva riferimento alla possibilità di privati di prendere ovviamente di chiedere in inutilizzo quelle sale per organizzare iniziative anche legate a,

Carattere festivo, matrimoni piuttosto che celebrazioni, ma non ricordo, forse mi potrei sbagliare di aver capito che l' Amministrazione comunale si faceva promotrice di iniziative e che andava lei stessa ad incassare i soldi.

Il denaro delle persone che partecipavano agli eventi, ecco, quindi io pongo questi dubbi.

In questa sede, proprio perché vengano chiariti dalle persone di competenza e perché credo che noi tutti qui abbiamo una responsabilità di fronte ai cittadini rispetto anche alle scelte che compiamo,

Attraverso il nostro voto grazie grazie, Consigliere, Elisa massa, interviene il consigliere Calderoni.

Beh, dunque, di fronte a un provvedimento come questo, estremamente complesso e articolato, come è già stato detto.

L' atteggiamento normale delle opposizioni è quello di astenersi e quello di dire va bene, noi qua e là vediamo luci ombre come sono state dette e andate andate avanti, è un compito della Amministrazione che governa la città, a meno che non ci siano tra queste luci e ombre delle ombre come dire particolarmente forti in grado di fare mutare questo atteggiamento di fondo e fare pensare alla possibilità di invece esprimere un forte dissenso.

E allora per avere, come dire, un criterio di giudizio?

Comune per poter assumere appunto una posizione al voto che sia, com' è comprensibile e coerente e io credo che dobbiamo assumere è quello delle priorità che in questo lungo elenco di opere pubbliche noi troviamo, cosa viene messo al primo posto e cosa invece slitta e cosa invece slitta allora due elementi su cui già i colleghi che hanno parlato prima di me si sono soffermati,

Due particolarità emergono agli occhi e cioè da un lato c'è una forte accelerazione anche di tipo pro pro progettuale,

Ha come dire allestire il San Giacomo.

Per un uso che dovrebbe essere complementare e su quale guardate se inserito in un contesto più ampio, con le dovute cautele, io non sono previste pregiudizialmente contrario, e però su questo, come dire, c'è una forte spinta su altre cose su altre cose, come per esempio il consolidamento statico del palazzo merenda, cioè sulla biblioteca comunale, cioè.

E sull' Istituto culturale fondante la politica culturale di questa città. Invece, registriamo.

Alle schede 51 e 5 e 51 e 6 1 slittamento perché per uno stralcio, l' up, la progettazione è in corso e per l' altro è ancora da avviare. Questo significa che, in una situazione in cui è chiaro che i nostri uffici tecnici e non possono fare tutto, non possono tutti fare.

Questa mole di progetti e infatti, comprensibilmente, una buona parte di queste vengono affidate anche con incarichi esterni, però vengono date appunto delle priorità si progetti questo anziché quest' altro, e il risultato è appunto questo che il consolidamento statico del Palazzo. Me ne rendo dove ha sede la biblioteca più la piena Kotecha, le collezioni più prestigiose della nostra città, slitta all' anno prossimo e invece per il San Giacomo, c'è una corsia preferenziale e accelerare.

E quindi questo è un elemento che per noi vale a connotare negativamente a dare un segno negativo complessivo a tutta questa manovra.

E sul quale e su questo mi associo alla proposta che ha fatto il Capogruppo del PD è il caso appunto di soffermarsi invece in sede di Commissione CONS consiliare in sede di Commissione consiliare non prima non in sede di variazione di bilancio ma è quella proprio in terza Commissione per capire bene quale sia il rapporto che esiste in questa città tra politica culturale e contenitori culturali e quindi questo è appunto un primo passo da fare in mancanza del quale.

E anche perché ci sono delle ulteriori per perplessità sulle non solo sulle modalità acceleratore, in un lato, invece slitta storie dall' altro, ma anche su come si procede. Torno un attimo sul San Giacomo guardate.

La questione della Sovrintendenza non è una questione meramente burocratica e non non importa tanto se pavimento a vent' anni, eccetera. Il punto fondamentale è un rapporto di leale collaborazione tra Amministrazioni. Poi vedremo se il bene è vincolato meno se necessario, il parere oppure no. A me sembra che ci dimentichiamo tutti che il restauro di quel.

Di tutto quel complesso del Convento di San di San Domenico è stato reso possibile grazie a un ingentissimo contributo finanziario del Ministero dei beni culturali e attraverso un accordo di programma tra Comune e Ministero. Allora il minimo è il minimo. Sarebbe per un rapporto ancor prima di obbligo di legge. Ancor prima di questo, i miei non sarebbe di mettere a conoscenza il partner principale di una operazione che ha dato alla nostra città un contenitore di così grande pregio di mettere a conoscenza che una parte rilevantissima, la chiesa San Giacomo, si pensa di utilizzarla con queste modalità. Questo non è stato fatto per noi. Questo non è un semplice inciampo di tipo burocratico, è una precisa scelta che si trova in di in disaccordo forte, tanto che tanto che, siccome abbiamo ritenuto che fosse un preciso compito istituzionale di consiglieri e di amministratori, quindi di questa città, abbiamo portato a conoscenza noi la so, la Soprintendenza del fatto che si intendeva,

Avviare un progetto di questo tipo anche perché ne ha parlato la stampa locale e quindi ci siamo limitati poco più che a girare alla Sovrintendenza l' articolo apparso su Forlì Today, e però su questo punto io credo che il nostro dissenso sia appunto forte e che chiederemo quindi il secondo atto. Ci apprestiamo a pre a presentare una formale istanza di accesso per capire bene il progetto, perché qui stiamo parlando solo di finanziamento, per capire quindi da dagli uffici che tipo di progettazione si intende fare in quel complesso di così grande rilievo. E per tutte queste ragioni, poiché oggi mi trovo anche essere appunto finora.

Come solitario componente del gruppo follie, ecco preannuncio anche il voto contrario del nostro gruppo.

Grazie, consigliere Calderoni.

A questo punto il dibattito è chiuso, ora sono aperte, interviene l' Assessore per la replica e poi le dichiarazioni di voto.

Allora non so da dove partire forse dal fondo, nel senso che ho capito che le la discussione e la presenza in Commissione è praticamente inutile portarle e farle, perché non c'è nessuna volontà né di ascoltare, né forse anche di capire quello che viene detto anche soprattutto dai dirigenti del Comune detto questo rispondo subito alla consigliera massa perché ha detto una cosa gravissima e chiedo anche la registrazione della del suo intervento per tutelarmi e tutelare questa amministrazione.

Perché se noi.

Ha detto una cosa che non mi è piaciuta dopo vedo cosa fare per dire solo che se c'è qualcosa che è stata slittata o è, come è stato detto in Commissione, perché sono stati presentati quei progetti a dei bandi, quindi siamo in attesa.

Di avere il risultato il responso e quindi non mi sembrava il caso, non ci sembrava il caso di andare avanti in attesa di avere questa questa questa risultanza, oppure perché la progettazione è ancora, non è finita.

Non è finita perché la consigliera massa io non lo so, forse ha visto un altro Comune, ma io qui di progetti pronti ne ho visti pochissimi oneri Santarelli che è andato avanti uno e riordino di musei che era fermo. Non so per quale motivo politico e sta andando avanti e sta arrivando. In conclusione, uno era il palazzo Albertini che a breve, a breve, voglio dire, in nel giro di qualche giorno verranno messe le impalcature. Il resto non c' era, non c' era e questo Consigliere Calderoni è il motivo per cui lo progettazione un attimo in ritardo, perché progettare la riqualificazione sismica del merenda e la riqualificazione sismica del palazzo comunale non è certo uguale, come i mettere 100000 euro di fondi, perché di questo stiamo parlando? 100000 euro di fondi per andare a implementare le.

Le opzioni tecnologiche del San Giacomo.

Quindi è molto, molto più complesso. Poi ho piacere che abbiate interessato la Sovrintendenza, perché noi noi la nostra realtà nei confronti di tutti gli altri Enti lascia l' abbiamo sempre dimostrato e lo stiamo dimostrando continuamente, cosa che qualche volta invece mi viene qualche dubbio che non sia così anche da altre parti.

Poi, detto questo, il discorso dei mosaici, del del del Palazzo Studi milioni di euro in realtà non è per la riqualificazione dei mosaici che, quando sarà pronto il progetto sarà molto di più di un milione di euro perché, nel momento in cui andiamo a riqualificare la zona e a creare fra virgolette il museo del volo ovviamente metteremo in sicurezza la scuola cosa che adesso non è non è non è perché non ha le caratteristiche di.

Protezione sismica che una scuola di cui una scuola ha bisogno, quindi il milione che stiamo per finanziare servirà soprattutto per la riqualificazione dei.

Della delle delle pareti esterne di tutto il palazzo, che è immenso e se non ve ne siete accorti, è transennato da una decina di anni, se non di più, 15 anni, cosa che voglio dire più che da un punto di vista estetico è una scuola dove è presente una scuola elementare nella scuola media un liceo classico una roba cioè avere delle scuole transennate non mi sembra che sia un bell' esempio per una una città come come come Forlì quindi,

Detto questo, io capisco da voi che vi siete focalizzati soltanto sul discorso del San Giacomo, perché già chiamarlo contenitore culturale a me viene l' orticaria, perché di solito quando si fanno i contenitori culturali CO e questi sono la dimostrazione vengono messi lì e non si sa che cosa farne in realtà. Noi,

Quando progettiamo un intervento, lo progettiamo sapendo bene la destinazione che vogliamo dare, cosa che è successa anche per il Santarelli, perché Santarelli era previsto di metterci la la biblioteca.

Comunale, cosa che dal mio punto di vista, ma è un mio punto di vista quindi opinabile come tutti i punti di vista non mi vede d' accordo perché spostare la biblioteca da un da un punto centrale della città e metterla sempre un punto centrale ma abbastanza decentrata non mi sembra una cosa molto non mi sembra una cosa giusta, però c'è anche un altro aspetto più tecnico che all' interno del Santarelli con le destinazioni,

Qui si dottor Calderone che il bando ha previsto, per per cui il Comune ha Principato e ha dato delle destinazioni, dato che non può essere utilizzata tutta per Biblioteca fisicamente, la biblioteca comunale all' interno del Santarelli. Non si sta quindi l' unica soluzione, l' unica soluzione, non l' unica soluzione. Una soluzione è quella di lasciarla lì, dov' è.

E mi duole dire questo perché in Commissione mi è stato spiegato molto bene e approfonditamente dal punto di vista tecnico, mentre qui state cercando di ribaltare tutti i ragionamenti. Quindi, se c'è qualcosa che slitta slitta per questa motivazione o perché sta partecipando a bandi o perché la progettazione non è concluso per tutta una serie di motivi e soprattutto perché non c' era la progettazione perché la progettazione del del Palazzo del Merenda era inesistente, magari c' era l' idea, ma non sapete qualche Hideo io, ma bisogna mettere sulle carte, facendo dei progetti e andando a progettare una riqualificazione di quel tipo di quell' intervento e anche sia dal punto di vista economico, ma dal punto di vista sia ingegneristico che culturale. è molto complesso e quindi ci vogliono i tempi che ci vogliono.

Quindi, se eravate stati così bravi, se questa Amministrazione precedente era così brava, mi mi dovevo aver trovato il progetto per la qualificazione del merenda totale, il progetto per la riqualificazione del San Domenico totale, cosa che ancora non c'è e lo stiamo progettando noi era fermo il bando ed era anche finanziato ma mi fermo lì era fermo lì non si sa per quale motivo.

Quindi, se parliamo di progettazione o di rendita che abbiamo avuta, lasciamo stare, lasciamo stare perché ormai l' eredità è andata, l' abbiamo avuta, l' abbiamo accettata, la dobbiamo mandare avanti, come anche il fatto stesso della riqualificazione del palazzo comunale, come abbiamo spiegato benissimo in Commissione, l' ingegner Foca, ogni volta che si va a fare un sopralluogo aumentano portato all' intervento perché dove è venuto giù il controsoffitto nella nell' anagrafe? In realtà bisogna intervenire e verranno detto da dal sottoscala fino a arrivare al tetto, cosa che non era prevista né prevedibile. Quindi anche quello progettazione è molto complicata e complessa, soprattutto anche perché.

Una volta che si va a fare mezzo comune va spostato, quindi c'è anche una problematica dal punto di vista logistico, perché non si può intervenire in carattere strutturali mantenendo il personale all' interno che fra l' altro ringrazio che.

Eh.

Ah stanno lavorando in condizioni difficili perché mi perdoni, è però è l' eredità che ho avuto, perché è venuto giù tutto, non io noi in due anni tutto questa tragedia, anche avendola voluto fare, non avremmo avuto né il tempo né la possibilità quindi se c'è stato un crollo e noi non abbiamo detto più più di tanto Ali le nell' anagrafe doveva essere previsto prima, allora se facciamo il ragionamento che fate voi e perché, come avete fatto fino adesso, che è venuto giù mezzo mondo?

Stimato Assessore, posso prendere una precisa e stiamo facendo, posso chiedere una precisazione all' Assessore su una cosa che ha detto se la scusi prima di fare la dichiarazione di voto c'è questa possibilità in più posso tre minuti per la precisazione.

Si è parlato di intervento, Palazzo, Studi nella zona dove dove appunto, c'è il liceo classico, eccetera.

Però qui allora bisogna che cioè, insomma, venga chiarito qual è il progetto, perché allora, perdonatemi il piano degli investimenti c'è scritto riqualificazione, zona mosaici un milione di euro e abbiamo parlato in Commissione sta facendo il Palazzo Studi della sistemazione anche su cui antisismico non c' era. Adesso, quando poniamo il tema, l' Assessore integra, dicendo sì, prego Amministrazione. Abbiamo previsto che interverremo anche sul piano antisismico delle scuole. Bene, ma noi siamo contenti, ci mancherebbe altro però a questo punto, perdonateci, ma diventa anche difficile produrre una valutazione se ogni volta a loro un progetto si chiama in un modo vengono cambiati dei finanziamenti. Viene peraltro spostato e poi, quando ci troviamo ora, discuterne ci viene detto sì, però il progetto non è solo quello e anche qualcos altro. Ecco allora su questo vorrei capire. Quindi, nel piano degli investimenti dobbiamo intendere che quel progetto, che denominato valorizzazione zona musei sia da intendere anche come progetto di sistemazione antisismica del plesso scolastico, perché ad esempio questo nel piano degli investimenti non c'è. Chiedo un chiarimento su questo,

Grazie alle mani. Se l' Assessore vuole dire se non se ne andrà voi vedete il piano di investimenti, come se fosse la Bibbia, io di Bibione uno solo, quindi il piano investimenti per me è un male, è una mera elencazione di cose da fare che si pensa di fare con de de delle delle de de degli importi che dopodiché, durante l' anno, durante gli anni, il piano di investimenti può avere tutte le modifiche che che si vuole, perché non è scritto nella pietra e soprattutto non è la Bibbia, con tutte le le esigenze e le caratteristiche che man mano vengono fuori. Perché se faccio un esempio banale, se vengono fuori e fra due mesi mi dicono, bisogna presentare 12 progetti per la riqualificazione delle scuole. Io fermo tutta la progettazione degli altri interventi, le metto tutte nelle scuole perché voglio partecipare ai bandi, quindi magari vanno avanti le scuole, stanno e sta ai stanno indietro i campi sportivi, quindi questo bisogna che che che che che che ce lo diciamo una volta per tutte, non e se adesso attualmente non c'è. Non me lo ricordo perché voglio dire voi non imparate a memoria, io è una cosa che mi appassiona relativamente perché, come vi ho detto, è una mera elencazione di cose che nel momento vengono vengono fatte, anche perché poi la programmazione viene fatta tre mesi prima dell' approvazione del bilancio roba, che è già vecchia nel momento che andiamo che l' andiamo a approvare. Quindi è come il ragionamento della della della del Palazzo comunale nel momento che siamo andati a vedere la progettazione magari della riqualificazione del della parte musulmana, museale della della Palmesano. Ci si ci siamo accorti che magari c'è da fare un intervento molto più ampio e consistente per la sua messa in sicurezza, quindi, che lo facciamo, ammucchiamo tutto l' Iran, facciamo finta di niente e lasciamo i nostri bambini a rischio della della della struttura che.

Vi posso assicurare, è molto rischiosa,

Grazie Assessore per la risposta alla richiesta di chiarimenti, adesso solo dichiarazioni di voto.

Biondi per dichiarazione di voto.

Mah io.

A partire a partire dal bilancio di previsione.

Dell' anno scorso, rispetto al quale ciascuno, naturalmente ha votato adesso, non mi ricordo neanche se la vostra sia stata una un' astensione.

Eh sì, astensione, benevola o meno un voto contrario per passare a tutte quelle variazioni che noi abbiamo fatto nel corso di quest' anno, hanno un significato politico che è riassumibile in tre o quattro questioni.

Primo, tutto sta dentro quel Piano degli Investimenti, quel bilancio di previsione, quel bilancio di previ, quel bilancio di previsione, quel piano di investimenti, devo dirlo, Covid a causa Covid è un bilancio ed un piano che naturalmente, risale agli anni dell' Amministrazione precedente, lo devo dire per onestà intellettuale.

Secondo aspetto fondamentale è che i finanziamenti sono le ragioni per le quali, fra l' altro, spostiamo con le variazioni di bilancio, al di là delle questioni tecniche, che però sono facili, insomma, perché non facciamo lo spogliatoio perché sistemiamo, poi ci sarebbe da intervenire sulla quantità e sulla qualità delle risorse ma questo è un problema più generale della pubblica amministrazione, dovremmo intervenire per estensione su tutto il territorio nazionale, quindi è compito dovrebbe essere compito del Parlamento, ma interveniamo su di fico con dei finanziamenti regionali,

Interveniamo con dei trasferimenti dallo Stato che, fra l' altro, in questa fase gestiamo anche in relazione al Covid, ciò che è stato una conseguenza della pandemia.

Oppure finanziamenti di carattere regionale. No, no, non ci sono questioni sulle quali nuovi progetti perché purtroppo questa è la situazione che abbiamo vissuto in questi anni e noi abbiamo accelerato. Consiglierebbe un delle ricordo che si tratta di dichiarazioni di voto, quindi ha solo un minuto, perché sembra che stia facendo una canzone a Sanremo l' avviso.

Le ricordo che ha tre minuti, sono già passati due minuti, ho finito Presidente, allora noi facciamo un' operazione, l' Assessore naturalmente dice guardate che noi abbiamo trovato dei progetti.

A chiunque volesse andare. Non so in quale scrivania a verificarla questa storia dei progetti incompiuto. Quant altro lo può fare naturalmente tranquillamente? Io credo che col bilancio di previsione per i prossimi tre anni noi ci giochiamo anche quello che voi non ve lo sento dire, potreste ritenere la la visione della città. Io credo che per i prossimi tre anni noi questo ce lo giochiamo e stiamo lavorando in questo senso. Sarà importante perché grazie a Dio, sotto controllo, la situazione sanitaria messi a punto, alcune questioni che provengono dal passato. Si tratta di capire esattamente che tipo di città noi prevediamo per il futuro e noi abbiamo le idee chiare rispetto a quello che appunto noi vorremmo fare e vorremmo fare per per il futuro. Voto di Forza Italia è ovviamente un voto favorevole. Gli uffici e l' Amministrazione in questo senso ha lavorato al meglio delle condizioni possibili. Grazie, Consigliere, Biondi, interviene Federico Morgagni per dichiarazione di voto, Presidente, mi sta ancora sistemando se c'è qualcun altro che deve intervenire. Cedo il posto le no.

Ah alle mani, allora Arevaci sistemiamo bene, io ho sentito la replica qui sono qui, sì, vado, io vado io no, no, no che manchi ci mancherebbe, stavo dicendo che c' era anche il collega Brunelli che voleva parlare, quindi puoi tranquillamente.

Esatto farà anche le valutazioni sulla base di quello che diremo anche noi, allora io ringrazio per la precisazione dell' assessore, perché credo che la precisazione dell' Assessore ci sia il contenuto politico vero di questa amministrazione. Dopo due anni e mezzo di insediamento di questa Giunta, l' assessore ai lavori pubblici al bilancio dice che il piano degli investimenti è un elenco di opere. Il piano degli investimenti non è un elenco di opere, perché sulla base di cosa colleghi, noi valutiamo il bilancio di previsione o valutiamo l' andamento di un' amministrazione, se non sulla base della programmazione dei lavori e quindi delle risorse che noi prevediamo di mettere in quel piano degli investimenti. Ma di cosa stiamo parlando, un elenco di opere, allora cosa stiamo giocando con i cittadini al gioco delle tre carte oggi c'è nell' elenco, domani non c'è nell' elenco domani cambio idea oggi scopro che domani scopro un' altra cosa. Allora dov' è la ricognizione del fabbisogno di quello di cui ha bisogno il territorio, dove quindi la programmazione, dove quindi la priorità nella scelta delle prove della programmazione,

Qui l' assessore ci dice che ogni tot gli viene comunicato una cosa diversa e quindi deve cambiare il piano degli investimenti, ma dopo due anni e mezzo veramente stiamo discutendo di questo io avevo affrontato questa variazione in maniera molto approfondita e seria, proprio perché pensavo che l' amministrazione insomma valutasse il portare avanti una determinata prospettiva con il suo piano degli investimenti ma invece devo prendere atto del fatto che ritiene il suo stesso piano degli investimenti un elenco di opere,

Un elenco di opere dove, quindi, possiamo ritenere che ci possa stare tutto oggi, il contrario di tutto domani ed eventualmente, appunto, fare qualsiasi tipo di promessa senza poi effettivamente concretizzare nessuna sulla base di quello che è il momento. Allora io credo che da quella precisazione ci sia effettivamente il contenuto politico che con l' amministrazione noi abbiamo sempre segnalato sin dal bilancio di previsione, e certo non mi sarei aspettato questa dichiarazione a parte l' Assessore ora, a due anni e mezzo dall' inizio del mandato, ma ne prendiamo atto e sulla base di queste considerazioni esprimiamo un voto contrario alla variazione di bilancio. Grazie grazie alle mani, allora lasciamo la parola per dichiarazione di voto al Consigliere di 5 Stelle Brunelli. Grazie Presidente. Come Movimento 5 Stelle voteremo a favore della variazione di bilancio soddisfatti per l' utilizzo che il Comune sta facendo del bonus. 110 per l' efficientamento energetico degli immobili comunali gestioni.

Ad Acea.

Ormai è chiara la bontà e l' utilità di questa norma che serve a portare fuori l' Italia verso una vera transizione ecologica. Grazie grazie. Consigliere Bonelli. Prego, Consigliere Morgagni per Forlì. Ecco, grazie, Presidente beh, direi che la replica che ho sentito mentre venivo qui si permette di dire una cosa, nodi al pettine sono due anni che diciamo che il piano degli investimenti è un piano degli investimenti dei sogni, che non ha un' attinenza reale con quello che effettivamente viene fatto. Infatti, di variazioni in variazione, la data di realizzazione dei lavori si sposta, mentre invece i progetti sulle finalità ultime sono ancora da vedere e parliamo dei quattro contenitori culturali, i quattro spazi culturali, se questa espressione piace di più all' Assessore fondamentali della città, uno dei quali il merenda, ripeto, non si sa quando i lavori termineranno, ma il problema qui mi permettete. Il problema è che siete stati voi a dire che lì dentro ci volevate fare riportare tenere la biblioteca moderna, l' avete detto un amministratore serio nel momento in cui lo dice.

È una dichiarazione di voto, motiva il nostro voto. Un amministratore serio è il minimo. Nel momento in cui fa un' affermazione di questo tipo dovrebbe prevedere quanti tempi, quanti soldi e che tipo di recupero complessivo del palazzo, se no, di cosa stiamo parlando? Per quanto riguarda il San Giacomo, invece, mi verrebbe da dire che le finalità culturali di questo spazio ci sono sono quelle che sono state finanziate per un intervento che ha permesso, a Forlì, di avere 100 milioni di euro per recuperare questo spazio e non possono essere certamente quelle di di permettere il suo utilizzo per finalità enogastronomiche che di culturale, francamente, mi pare che non abbiano nulla di conseguenza, siccome non sappiamo ancora niente dopo due anni e mezzo di consiliatura della politica culturale di questo Comune e del destino di alcuni degli spazi più prestigiosi della città, il nostro voto non può che essere un voto fortemente totalmente nettamente contrario rispetto a quello che non conosciamo, perché probabilmente neanche voi avete idea di cosa farci e dopo due anni e mezzo mi pare grave. Grazie consigliere Morgagni.

Non mi sembra che ci siano altre dichiarazioni di voto bassi per Fratelli d' Italia,

Fratelli d' Italia, il nostro voto sarà sicuramente favorevole.

Grazie consigliere Bassi non abbiamo richieste di intervento, non vedo perfetto, quindi possiamo passare alla volta passare alla votazione, invito il dottor Pini a procedere con la votazione per appello nominale.

Ancarani contraria.

Ascari, favorevole Bagnara approvato.

Favorevole.

Balestra più che favorevole, Bartolini favorevole.

Bassi favorevole.

Vedrei favorevole, Bentivogli, onorevole.

Biondi.

Non c'è.

Bricolage.

Favorevoli.

Brunelli.

Favorevole.

Calderoni contrario.

Catalano favorevole.

Ceredi favorevole, Costantini favorevole.

Drogheria favorevole.

Alle mani contrario.

La Saponara.

Assente Marchi.

Astenuto.

Massa contraria.

Minutillo.

Favorevole.

Morgagni contrario con l' ultimo fiato.

More.

Favorevoli.

Pompignoli.

Ortolani, amorevole.

Prati?

Contraria.

Rinieri favorevole.

Rivolte assente Samorì contraria.

Tassinari, favorevole, Valotti.

Mario.

Zottini, onorevole d' Antoni,

Assente.

Biondi.

Biondi favorevole, quindi abbiamo ventun voti favorevoli, 8 contrari, 1 astenuto, grazie, dottor Pini, quindi l' argomento con numero 86 approvato passiamo a votare l' immediata eseguibilità.

Ancarani, contraria Ascari, favorevole.

Bagnara favorevole.

Balestra favorevole.

Bartolini, onorevole.

Bassi, vedrei favorevole, Bentivogli favorevole.

Biondi Briccola ni.

Favorevoli,

Brunelli, onorevole.

Calderoni, tralascio Catalano, onorevole.

Ceredi, onorevole Costantini amorevole, due viaria.

Parliamone.

Alle mani contrario Lasaponara.

Assente.

Marchi.

Noto astenuto, Massa contraria.

Minutillo.

Assente Morgagni contrario.

Morra favorevole Pompignoli.

Portolani.

Onorevole Bratti, contraria, Rinieri, favorevole rivolte assente, Samorì, contraria, Tassinari, amorevole, Valotti.

Zattini favorevole.

Zattoni assente, quindi abbiamo 20 voti favorevoli, 8 contrari, 1 astenuto, dottor Pini, e quindi l' oggetto 86. Il bilancio di previsione 2021 2023 variazione, applicazione, quota parte dell' avanzo di amministrazione, 2020 è immediatamente eseguibile. Passiamo adesso al secondo oggetto all' ordine del giorno che il verbale l' approvazione del verbale della seduta consiliare del 13/09, quindi la invito, se non ci sono interventi al riguardo, a procedere all' appello per la votazione.

Ancarani.

Mi astengo.

Ascari favorevole.

Bagnara, favor favorevole.

Balestra favorevole.

Bartolini favorevole.

Bassi.

Eh beh dei.

Favorevole, Bentivogli.

Biondi Micolani.

Brunelli, onorevole Calderoni, vorrei.

Catalano, onorevole Ceredi, favorevole, Costantini valevole drogheria.

Alle mani.

Astenuto la Saponara.

Assente Marchi.

Favorevole.

Massa astenuta, Minutillo favorevole.

Morgagni favorevole.

More favorevole con pignoli.

Assente, portolani.

Favorevole prati astenuta.

Rinieri, favorevole rivolte assente, Samorì, astenuta Tassinari.

Tassinari, assente, Zanotti.

Astenuto Zatini, favorevole Zattoni, assente 22 voti favorevoli, 6 astenuti, nessun contrario. Grazie, dottor Pini. Quindi l' oggetto. 85, che la il verbale della seduta consiliare del 13/09/2021 è approvato. Passiamo adesso a parlare alle di scusate, a discutere per quanto riguarda le mozioni e gli ordini del giorno, allora la prima, il primo tema che ci troviamo ad affrontare è l' ordine del giorno per il conferimento della cittadinanza onoraria onoraria al milite ignoto. Come sapete, ci siamo trovati più volte in Conferenza dei Capigruppo. Io, però, con questa confusione in Aula, faccio un po' fatica a intervenire, quindi invito tutti a prendere posto e a rispettare il silenzio perché siamo in Consiglio comunale e quindi è un po' difficile per me, così come per il quale chiunque altro intervenire.

Aspettiamo un attimo anche Biondi.

Invito per favore a rispettare il silenzio e a prendere posto.

Se siamo tutti pronti, possiamo riprendere il Consiglio con un po' più di silenzio e di calma, quindi invito i Consiglieri a prendere posto e a rispettare silenzio perché era non c' erano le condizioni per parlare prima.

Grazie, allora come primo ordine del giorno abbiamo, abbiamo la il conferimento della cittadinanza onoraria al milite ignoto. Come sapete, tutti ci siamo incontrati più volte in Conferenza dei Capigruppo e poi anche in Commissione e in prima Commissione la scorsa settimana, per arrivare a un testo condiviso in base al quale poter assegnare in modo unitario la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Durante un Consiglio comunale che dovrà deve avvenire dovrebbe avvenire 04/11 in piazzale della Vittoria, quindi dovreste aver ricevuto tutti da parte degli uffici l' ultima bozza di questo testo, che metto appunto in discussione per eventuali variazioni o integrazioni di nuovo. Invito i colleghi a rispettare il silenzio, perché.

È difficile intervenire quando diverse persone parlano.

Allora è aperto il dibattito al riguardo.

Allora chiede di intervenire il Consigliere Alemani.

Sì, grazie Presidente, noi abbiamo chiaramente ricevuto il testo poco fa, dopo la Conferenza dei Capigruppo, siamo stati coinvolti in questa iniziativa all' inizio del mese di ottobre, relativamente appunto all' organizzazione della cerimonia di cui peraltro ho notato è già stata data notizia alla comunità forlivese sulla stampa. Credo che l' occasione del 04/11 sia quanto mai adeguata per riconoscere la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto in ragione del centenario, e questo da parte nostra significa stringere la comunità forlivese su l' invito non solo della Associazione nazionale comuni italiani, ma anche del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, attorno a questa figura che noi celebreremo 04/11.

Dinanzi all' altare della patria, relativamente al testo non abbiamo null' altro da dire perché è stato poi oggetto di discussione in Conferenza dei Capigruppo anche in Commissione.

A questo punto, noi riteniamo che l' occasione del 04/11 sia quanto mai opportuna, visto peraltro che sarà un' occasione particolare, in quanto sarà il Consiglio comunale ad essere convocato in Piazza della Vittoria in prossimità dell' altare della patria, al fine di discutere e quindi votare, immagino all' unanimità il conferimento della cittadinanza onoraria e quindi con questo credo, insomma, che si possa tranquillamente concordare sul fatto che il dibattito che noi porteremo in Consiglio comunale in occasione di questo voto possa essere sintetizzato per ciascuna parte che compone questo Consiglio comunale, quindi da parte della minoranza e la parte di una maggioranza con un singolo intervento in modo tale che, insomma, di fronte alla comunità forlivese. Di fronte quindi anche alle istituzioni quali il prefetto, e non solo essendo il con il Consiglio comunale regolarmente convocato, ci possa essere.

La visione di quello che è un momento importante della nostra comunità, sintetizzato nel suo Consiglio comunale, di fatto noi spetta, insieme al signor Sindaco, rappresentare i cittadini, e quindi quell' occasione in Consiglio comunale, di fronte all' Altare della patria è quanto mai devo dire anche pieno di onore avere l' occasione di rappresentare la nostra comunità per conferire questa cittadinanza, quindi credo che non ci sia null' altro da aggiungere per quanto riguarda il Gruppo del Partito Democratico e credo che con questa intesa si possa,

Attendere 04/11 con penso anche la giusta attenzione nei confronti dell' evento e della cerimonia che ci apprestiamo a celebrare, grazie.

Grazie, Consigliere alle mani.

Chiede di intervenire il Consigliere, Biondi.

Io non vorrei.

Perché nel frattempo stavamo?

Disquisendo su alcune questioni, lei quindi Consigliere, rimane fermo sull' aspetto dei due interventi, maggioranza e minoranza, il 4.

Davanti all' altare è così no, ma dimmi dicevo di no, non hai bisogno di accendere a verbale, visto che il collega mi chiama io sì, ho capito, ma basta che tu mi dica basta che dica un sì o no in Conferenza dei Capigruppo il.

Mi pare sia giusto e noi siamo d' accordo, eh no, perché se tu mi avessi detto no, io avrei detto.

Non no, avrei detto che non avrei avuto ragione di intervenire.

Mentre invece, di fronte all' ennesimo sì, o meglio di fronte al fatto che si ribadisce questa roba, io vorrei che io vorrei farmi una volta almeno nella vita, vorrei farmi capire tranquillamente voglio dire in modo pacato e questa storia della cittadinanza al Milite Ignoto lo torno a dire è una roba che o la si vive CO col profondo del cuore,

E dell' intelletto politico e storico, perché è una roba che alla quale nessuno di noi può sottrarsi. L' ho già detto prima nella, ma qui si tratta di un giovane come ce ne sono state centinaia di migliaia che in quella guerra maledetta ci ha lasciato, eccetera, eccetera giovani. Fra l' altro, ho visto l' altro giorno un servizio 17 18 anni, anche giovanissimi, 2015 miliardi datati, 1999 la data di nascita quindi è una cosa incredibile e poi io credo che in questo Consiglio io sfido chiunque a cercare qualcuno che appunto non abbia questo trasporto di tipo valoriale nei confronti, beh, ma noi vogliamo andare 04/11 a dividerci fra un intervento di maggioranza e di minoranza, perché vogliamo naturalmente, ma io io io io sono uno che la tribuna da parte di un partito politico la capisco anche la giustifico, a volte la pratico, ma in un' occasione come questa è assolutamente sbagliato noi daremmo un segnale alla città che non ha un senso al mondo, tant' è che io sono arrivato a dire in Conferenza dei Capigruppo se voi continuate con questa forzatura io non vengo il 4 perché arrivo a pensare che piuttosto che dare su una vicenda storico politica,

E valoriale come questa, una testimonianza di divisione di non condivisione è meglio non farla, è meglio non farla, ma questo ce lo dice l' ANCI ce lo dice ce lo dicono le associazioni combattentistiche, ce lo dice tutto il mondo ci deve essere il massimo della non può non esserci la condivido. Scusate, cari amici,

Io non so se esiste ancora il fascismo, io l' ho combattuto e spero che non esista più, ma abbiamo fatto delle robe rispetto a queste questioni, un po' lasciamo stare adesso, su questa roba non c'è niente, parliamo del 15 18, parliamo di una roba che fra l' altro oltretutto l' abbiamo vinta quella guerra eravamo partiti male, ma poi l' abbiamo vinta. Quindi c'è anche una ragione di.

Quindi io credo che ci dobbiamo ripensare e io comunque lo dico.

Lo dico a malincuore col groppo alla gola, io non ci sto a venire là a far vedere che io e i miei amici, anche dell' opposizione, siamo sulla stessa linea sullo stesso sentore, dal punto di vista del del fatto che non ci sto mi mi mi vengono i brividi.

Grazie, Consigliere, Biondi.

Chiedo l' Inter che chiede di intervenire nuovamente, il Consigliere Alemani, sì, per una precisazione, perché io non ho compreso, perdonatemi, quale sarebbe la divisione.

Giusto perché finora in quasi tutti i Consigli, perdonatemi colleghi, ma in tutti i Consigli comunali in cui si è discusso di questo argomento.

Quando è stata conferita la cittadinanza onoraria c'è sempre stato l' intervento di tutti i colleghi Consiglieri, mai c'è stato qualcuno, andate a vedere il verbale del Consiglio comunale di Cesena di Rimini di Ravenna, di Bologna, in cui si è votato all' unanimità la cittadinanza al Milite Ignoto, semmai detto a qualcuno o qualche Consigliere notturno non intervenire perché non interveniamo neanche noi perché sarebbe divisivo.

Assolutamente noi abbiamo l' occasione di essere assolutamente unanime su questo e non è il fatto di intervenire in due in quattro, in sei notti in 10 in 12 che determina una divisione né politica né fattuale.

Ma per il ruolo che abbiamo.

Noi siamo chiamati 04/11 per il ruolo che abbiamo di rappresentanti dei cittadini, a dire che siamo tutti d' accordo, che siamo tutti d' accordo e infatti 04/11, approveremo quel documento che in Commissione abbiamo discusso e proprio per suggellare questo non c'è bisogno che intervengano in tre in sei notti in 10 in 12, è sufficiente che questo Consiglio comunale, nelle sue espressioni fondamentali e quindi una minoranza, è una maggioranza che è poi quello che i cittadini hanno votato con le elezioni si sentano tutti chiamati rispetto ai rappresentanti che sono 04/11, in Piazza della Vittoria a quel voto che conferisce la cittadinanza onoraria. Perché attenzione, colleghi, attenzione.

Se quel dibattito 04/11 fosse stato in quest' Aula.

E fosse intervenuto il collega Bentivogli per dire perché la Lega vota a favore della cittadinanza onoraria al milite ignoto.

Qualcuno, io Capogruppo del Partito Democratico, gliela avrei potuto impedire dicendogli no Albert o no Massimiliano, non intervenite perché se intervenite poi o se intervengo io sarebbe divisivo assolutamente intervenga, la Lega intervenga, Fratelli d' Italia, intervenga, la lista civica intervenga Forza Italia intervengano tutti coloro che rappresentano i cittadini.

Come sempre, abbiamo fatto in qualsiasi voto che richiama tutta la comunità.

Ora, io non capisco, non capisco dove sia quindi l' elemento divisivo, perché di nuovo e qui lo voglio precisare ancora una volta se colleghi quella cerimonia che il voto della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto l' avessimo fatta in quest' Aula.

Non so non ho mai nessuno, si sarebbe mai potuto neanche immaginare di chiedere a qualcun altro di non intervenire, perché ciascuno di noi rappresenta la comunità forlivese e, come giustamente ci siamo detti 04/11, il signor Sindaco che all' ufficio di primo cittadino interverrà a nome della comunità forlivese, così come noi, che componiamo questo Consiglio, perché siamo organi diversi, Consiglio e Sindaco e la Presidente, che ci rappresenta tutti come Presidente del Consiglio comunale, darà lettura delle motivazioni che oggi discutiamo perfetto, tutti insieme, uniti a votare quel provvedimento è quell' atto. Quindi io davvero non capisco perché questa necessità di puntare su questo aspetto, che io non vedo sinceramente, ma sul quale lascio che i colleghi di maggioranza, se ritengano che effettivamente ci sia lo spieghino lo chiariscono e poi lo valutiamo insieme, se volete, colleghi, se veramente ritenete che ci sia un elemento divisivo dal nostro punto di vista, non lo vediamo perché non c'è stato in nessun Consiglio comunale d' Italia, elemento divisivo in presenza di consiglieri comunali che, da parte di gruppi diversi, sono intervenuti per dire perché, in ragione del loro ufficio di rappresentanza delle loro comunità, votano sì alla cittadinanza onoraria al milite ignoto. Non è esistito da nessuna parte, quindi io sinceramente non lo vedo,

Una volta che si concordava le ragioni basilari, posso intervenire, allora vediamo chi ha chiesto di intervenire.

Bar.

Perché ci sono diversi che hanno chiesto di intervenire adesso, non so bene l' ordine, ho sentito Bartolini.

Calderoni e Bentivogli, quindi Calderoni per primo,

Grazie.

Anche Pompignoli, colleghi, io credo che, come dire, ci sia un fraintendimento di non poco conto alla base del dibattito che stiamo facendo ora.

I primo punto voglio dire.

Noi dopo un secolo, esattamente dopo un secolo esattamente 04/11/1921 euro, siamo al 04/11/2021. L' occasione migliore di celebrare un secolo di distanza, la unitarietà, la polifonia di voci che consonante mente dicono la stessa cosa. Io penso che non dobbiamo perderlo, quindi, da questo punto di vista il monocorde a me sempre un po' come dire, non lo gradisco molto. La polifonia di voci è la cosa migliore. Prima cosa, allora.

Esattamente un secolo fa, il feretro che attraversò tutta l' Italia per andare a Roma, fu acclamato da la popolazione che lo sentiva. Proprio. Allora vogliamo mantenere una continuità con quel momento di unità che c'è stato cent' anni fa. Io credo proprio di sì, allora il timore qual è francamente.

Neanch' io comprendo bene per quanto riguarda me, che buona parte delle cose che ho scritto io in quel testo, quindi pensate che noi diciamo delle cose diverse che qualcuno di noi possa dire delle cose diverse rispetto a quello che direte voi e allora da questo punto di vista il timore non c'è. qual è la cosa, c'è un problema di protocollo.

Due interventi. Sì, quattro interventi, no, non credo che i problemi di protocollo e allora sgombriamo il campo da due possibili equivoci formale. Gli interventi non sarebbero questo è la mia posizione personale. Non sarebbero qualificati come parla, uno per la maggioranza, parla uno per la minoranza. Questo sono d' accordo che non sarebbe corretto. Non sarebbe qualificato così, ma se il Consiglio comunale in questa sede si autolimita si autolimita e decide che due suoi rappresentanti ovviamente come dire di posizioni culturalmente connotazioni politiche diverse intervengono in quella sede a nome dell' intero Consiglio, io penso che così si possa stare anche perché sarà il voto unitario su tutto, anche perché sennò, se così non fosse, se fosse semplicemente una manifestazione con gli interventi delle sole massime cariche istituzionali di questo Ente, non sarebbe più la seduta di questo Consiglio e fra l' altro non potremmo neanche io credo, se non ci fosse un intervento di Consiglieri semplice non potrebbero, non potremmo neanche ne corrispondere gettoni di presenza devolverlo per la cosa che abbiamo detto per il Libano, quindi, da quel da tutto questo insieme di cose, francamente io credo che una soluzione di questo tipo sia quella più comprensibile alla cittadinanza, quella che non ha delle contro indicazioni e che, come dire, celebrerà quella giornata come una vera giornata di unità cittadina e nazionale.

Grazie Consigliere, Calderoni, consigliere, Pompignoli, credo fosse prenotato, lei ci.

Secondo me non ne usciamo fuori da questa, da questa azione abbiamo fatto diverse Capigruppo rispetto a questo tema.

Abbiamo idee diverse di come presentare la manifestazione del 04/11 e di onorare la cittadinanza al milite ignoto,

Idee diverse che ovviamente si scontrano ha da un lato sul presupposto di che cosa è la cittadinanza onoraria b dall' altro il regolamento.

Io non posso impedire a nessuno di non intervenire perché è un Consiglio comunale ordinario e quello del 04/11, per cui ciascuno può alzare la sua manina intervenire.

Dall' altro lato, invece, credo che in un' operazione di questo tipo, qua dove la condivisione è già assodata, che sia unanime,

Perché abbiamo trovato un testo condiviso lo abbiamo discusso in Commissione, lo discutiamo anche oggi, però partiamo sulla base di un presupposto che, se c'è condivisione di intenti, la rappresentazione di due interventi in maggioranza e opposizione, non credo che sia opportuno farla.

Poi qui ciascuno è libero.

Riparlare, ciascuno è libero di intervenire, ciascuno è libero di esprimere le proprie opinioni, per cui è evidente che noi, su questa posizione, terremo.

Questo tipo di comportamento, almeno per quanto riguarda questo movimento, non so gli altri di maggioranza.

Per noi interviene il Sindaco e la Presidente del Consiglio Comunale punto se voi fate interventi di minoranza, ne fate uno, ne fate 10 nei fatti 20 noi non interveniamo, questo è il concetto, poi fate e ritenete più opportuno fare quello che che che volete, sulla base di questo presupposto.

Anche perché sono già sei volte che ci incontriamo, abbiamo fatto diversi incontri, abbiamo discusso di una.

Cittadinanza che, all' unanimità, è riconosciuta da questo, da questo Comune, per cui.

Cioè oggi delle due l' una noi, questa è la posizione, non interveniamo se volete intervenire intervenite quando ritenete più opportuno intervenire.

Grazie, consigliere Pompignoli.

Bartolini, aveva chiesto di intervenire, prego, prego, Bartolini, sì, grazie, ma ma.

Mi fa, ma non tanto le deve fare sempre un po' tristezza, parliamo se siete tutti d' accordo 04/11, un momento simbolico che la cittadinanza a tutte quante porta avanti questa bella iniziativa che è un' iniziativa comune della della collettività in questa ricorrenza dove l' istituzione con rispetto rende un orgoglio.

Giusto e fiero e io dico anche dovuto e doveroso onore rispetto una dovuta memoria, riconoscenza sincera di cuore concorre verso tutti quei nostri ragazzi che hanno dato la vita per un ideale per una patria e perciò.

Non mi sembra che perdiamo solo del tempo, mi sembra, che son tutti quanti d' accordo ci va avanti orgogliosi.

Grazie Bartolini, interviene adesso, Albert Bentivogli, grazie Presidente, allora.

Convengo con quello appena detto dal Capogruppo e dal Consigliere Biondi io c'è un punto che non capisco, non capisco perché in una cerimonia solenne come quella del riconoscimento della cittadinanza, onoraria al Milite Ignoto per favore sta parlando il consigliere Bentivoglio invito a rispettare il silenzio perché debba entrare la politica per una volta restiamo né fuori.

Restiamo neutri davanti a una cerimonia dove si deve trovare una condivisione totale.

Totale.

Ma per un semplice motivo, perché all' interno di questa condivisione di politico non c'è nulla.

Non ci sono passaggi politici, non ci sono delle dei passaggi storici politici, c'è semplicemente il riconoscimento di una cittadinanza onoraria che è stata riconosciuta in tutti i Comuni d' Italia.

Comuni amministrati dal centrodestra, Comuni amministrati dal centrosinistra,

Quindi non vedo il motivo per cui l' opposizione abbia questa spinta a voler intervenire politicamente.

Davanti a una cerimonia, ripeto che, unanime davanti alla cittadinanza, tra l' altro logisticamente, in un luogo come il piazzale della Vittoria, dove è presente,

La la tomba del Milite Ignoto e quindi davanti a tutte le autorità cittadine, per una volta, se noi decidiamo e giustamente noi non interverremo come gruppo di maggioranza, perché perché chi parlerà sarà il Sindaco, che è il Sindaco di tutti i cittadini parlerà il Cons Presidente del Consiglio che è il Presidente del Consiglio di tutti i consiglieri di questa Assise quindi parleranno due figure istituzionali che parlano per tutta la città, senza rappresentare nessuna parte politica.

Quindi, per una volta, per una volta e io direi che questa questo è il momento per dimostrare veramente che c'è una condivisione su temi, tra l' altro, che esulano da quello che so da quelli che sono i temi politici della città, quindi noi giustamente ci asterremo, non faremo interventi, faremo parlare il Sindaco, faremo parlare il Presidente del Consiglio, quindi sta a voi decidere se volete condividere e quindi stare tutti insieme in un momento solenne o voler recitare quello che vorrete recitare. Grazie grazie, Bentivogli. Io vorrei fare una precisazione. Quando dicevate, interviene il Presidente. Il Presidente non può che leggere il testo condiviso quindi un testo di tutti. Ecco, non non è il testo del Presidente, il testo del Consiglio comunale, che dovrebbe in qualche modo essere concordato oggi, che va bene a tutti, quindi un documento unitario, non della maggioranza della minoranza di un gruppo, ma di tutti, quindi sicuramente è quello che dobbiamo dire adesso è se ci va bene questo testo.

Grazie.

Chiede di intervenire nuovamente alle mani che è intervenuto già un paio di volte, non so a che titolo dichiara deve fare una dichiarazione non solo a questo punto, perché sono d' accordo col collega Bentivogli. Si tratta di un Consiglio comunale, quindi se invece si tratta di una cerimonia non è, non è un problema. Abbiamo partecipato a tante cerimonie e mai siamo intervenuti perché rappresenta il Sindaco e la Presidente del Consiglio comunale che per l' appunto rappresentano tutti. Sul piano istituzionale, io credo che ci sia semplicemente un misunderstanding a questo punto, se lo definiamo consiglio comunale è un Consiglio comunale, se lo definiamo cerimonia, è una cerimonia punto. Quindi, se è un Consiglio comunale, chiaramente valgono le regole, i presupposti di che sempre abbiamo condiviso tutti insieme in qualsiasi Consiglio. Se invece è una cerimonia, non c'è nessun problema, noi prenderemo comunque parte alla cerimonia, ci mancherebbe altro, ma sicuramente a quel punto non ci sarà la necessità di esprimere nessun voto.

Allora noi abbiamo un documento.

Quindi o lo votiamo oggi o lo votiamo 04/11 e con questo noi deliberiamo la cittadinanza al Milite Ignoto quello che era un po' nelle intenzioni era quello di votarlo 04/11, in modo che fossimo tutti presenti personalmente per testimoniare la nostra partecipazione, chiede di intervenire Zanotti sull' ordine dei lavori.

Se mi sentite bene, perché ho dei problemi esistenti, Zanotti Zanotti, che rimbomba non si sente,

Sentite meglio, hanno più o meglio, se c'è silenzio in aula, riusciamo a sentirla altrimenti no.

Guardi molto rapidamente, volevo chiedere semplicemente al Segretario comunale se nel corso del Consiglio straordinario del 04/11, visto la facoltà di intervento per i consiglieri.

Certamente che c'è la facoltà di intervento è uno spirito di Consiglio comunale, ma questo nessuno l' ha messo in dubbio.

Grazie.

Scusi, Presidente, potrei chiedere cortesemente una sospensione così che ci confrontarvi, se ci confrontiamo un attimo tra varie ipotesi, cinque minuti però vuol dire che sono le 18 alle 18:10, qui in aula puntuali chiedo di interrompere.

Di interrompere la ripresa, in modo che possiamo un attimo parlare senza interventi.

E a procedere con l' appello.

Ancarani presente.

Ascheri, presente Bagnara.

Balestra Bartolini.

Presidente Bassi presente vedrei presente Bentivogli.

Presente.

Biondi.

Curricolari.

Niente.

Brunelli presente, Alberoni ente.

Catalano.

Ceredi, presente, Costantini, presidente Drogheria, presente alle mani presente.

Lasaponara, assente Marchi.

Presente.

Massa esente.

Minutillo presente Morgagni.

Assente.

Morra.

Presente.

Pompignoli.

Ortolani.

Presidente, Prati presente Rinieri risente Rivalta, assente.

Samorì esente Cassinari esente Zanotti,

Zattini, no, io mi assento perché dobbiamo ricevere l' ambasciatore armeno San Mercuriale, quindi mi scuso e buon lavoro, quindi grazie, signor Sindaco Veltroni, immagino.

Ecco va bene, come stavo dicendo, è assente, quindi il dottor lì presente, abbiamo 29 Consiglieri presenti, 4 assenti, grazie, dottor Pini, e quindi il Consiglio può riprendere perché è presente la maggioranza dei Consiglieri o in Aula o.

Da casa, allora, per quanto riguarda il testo della delibera che all' ordine del giorno che avete ricevuto, volevo sapere se c' erano eccezioni o se stava bene,

Prego, Pompignoli, per me il teste corretto, quindi non avrei nessun tipo di problema a votare quello grazie Pompignoli, prego Brunelli, sì, anche per per noi il testo è corretto, è stato preso, aveva dato dei suggerimenti, quindi siamo contenti noi, come ha detto il Capogruppo, eravamo dell' idea di fare due interventi perché ci sembrava più rappresentativo del Consiglio comunale.

Però, visto la piega che ha preso la discussione, noi ci ha risposto anche partecipare, poi se naturalmente, se voi non farete nessun intervento, noi non faremo nessun intervento, diciamo che l' evento è molto importante, quindi non non vogliamo creare nessun problema,

Grazie consigliere Brunelli, prego, consigliere Zanotti, no, volevo semplicemente dare atto che in Commissione prima abbiamo visto questo argomento, sto fatto un lavoro anche abbastanza collegiale, quindi dovrebbe stati raccolti gli spunti probabilmente le parti politiche e che ha consentito la elaborazione da parte degli uffici, faccio un ringraziamento al dottor proprio in particolare che per primo e in primis è impegnato nella stesura del testo, che poi è risultato condiviso. Ecco appunto perché c'è stata condivisione sul tasto. Auspico anche che.

Liste, la stessa idea di.

Unità e unitarietà della voce.

Del Consiglio comunale sia garantita e credo che sia doveroso farlo dal.

Dal dare il diritto di parola ad almeno due parti che rappresentano l' intero l' intero Consiglio, perché è vero che il Sindaco e il Sindaco di tutti i cittadini, ma è altrettanto vero che nel Consiglio e facciamo un Consiglio comunale non facciamo una cerimonia,

Convivono anime diverse, allora queste anime diverse doverosamente, debbono essere rappresentate da più voci in grado di farlo.

Grazie consigliere Zanotti, non so se ci sono altre richieste di intervenire.

Allora io non metterei ai voti il testo, quindi se qualcuno è contrario o a delle eccezioni, lo dice adesso, altrimenti lo diamo come Vallo lavorato, approvato e va direttamente al Consiglio comunale del 04/11 che terremo alle ore 10, in piazzale della Vittoria.

Quindi non mi sembra che nessuno abbia delle eccezioni al testo e quindi lo diamo come così preso da presa d' atto va bene.

Poi la mozione per l' istituzione del Garante della terza età in Capigruppo abbiamo detto che viene rinviata in nel momento in cui abbiamo la possibilità di altri.

Chiarimenti passiamo adesso alla all' ordine del giorno di sostegno alle mobilitazioni contro la crisi climatica e ambientale presentata dai consiglieri di follia in col Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, Gruppo Misto non so chi interviene Morgagni, prego, grazie Presidente, ma qui un intervento veramente brevissimo, perché la mozione è esplicativa e auto evidente. Direi.

E mi fa piacere che quattro gruppi consiliari tutte le forze di opposizione abbiano sottoscritto, e mi fa ancora più piacere se anche le altre forze le forze di maggioranza aderiranno, perché su un atto del genere l' unità sarebbe auspicabile. Ecco l' unità di intenti da cui speriamo, poi dipende anche l' unità di scelte politiche e l' unità di indirizzi amministrativi. è evidente che, se possibile, ancora di più di quanto non fosse vero fino a pochi mesi fa, l' estate, che abbiamo attraversato, con tutti gli eventi climatici estremi che si sono verificati e la stessa esperienza della pandemia, che in una certa misura ha trovato alimento forme di sviluppo da un modello demografico produttivo e di crescita indiscriminata e dai suoi riflessi anche sul territorio e sull' ambiente che ci circonda. Ecco, tutto questo rende e ha reso ancora di più urgente, ancora di più necessario che tutte le forze politiche assumano su di sé l' impegno che ci viene richiesto dalla società civile che ci viene richiesto da tanti giovani. L' impegno di porre il contrasto al cambiamento climatico, al centro delle agende politiche a tutti i livelli, da quello internazionale a quello nazionale, a quello locale, come nel nostro caso. Di conseguenza, questo è un piccolo atto. è un piccolo atto con cui il Consiglio comunale di Forlì esprime la sua vicinanza e solidarietà a chi, anche nella nostra città, pochi giorni fa è scesa in piazza e ha manifestato per sollevare nuovamente l' attenzione su questo importante tema nell' imminenza di una scadenza importante come quella della coppia 26 che si terrà nel Regno Unito in questi in questi giorni. E però questo piccolo gesto è un gesto che, se da esso discendono delle scelte credibili e coerenti sul piano amministrativo che partano dal livello locale e vadano a quello globale, ha una grande importanza. Io credo che, guardando indietro gli storici, quelli che verranno, i nostri discendenti, che verranno fra fra 30 40 50 60 anni, non avranno dubbi sul fatto che la battaglia contro il cambiamento climatico è la battaglia fondamentale, del nostro tempo. Allora io credo che noi, rappresentanti di tutte le forze politiche che siedono nel Consiglio comunale di Forlì, abbiamo il dovere di marcare il fatto che su questa battaglia vogliamo fare la nostra parte, riaffermando con questo atto un impegno che avevamo già assunto proprio all' inizio di questa consiliatura e poi cercare di essere coerenti con gli impegni che assumiamo, perché di fronte all' opinione pubblica, di fronte ai cittadini, ma di fronte soprattutto ai giovani, la politica ha il dovere della coerenza. Il dovere della serietà ha il dovere di assumersi gli impegni come su questo terreno così fondamentale, e poi ha anche il dovere di mantenerli,

Affinché questo atto sia un atto politico e simbolico di grande importanza, ma al quale tenga dietro un' azione amministrativa che davvero sia coerente e davvero rappresenti la svolta che ci viene richiesta e che la nostra città, il nostro Paese, il nostro continente, il nostro mondo ha bisogno ora prima che sia troppo tardi.

Grazie Consigliere Morgagni chiede di intervenire il Consigliere Costantini.

Sì, grazie, intervengo su questo argomento di tutti ed importante per tutti, di nuovo ci rivediamo, noi non abbiamo di certo come Gruppo Lega problemi a fornire di nuovo il nostro impegno a favore del clima e dell' ambiente, d' altronde poi, come abbiamo sostenuto più volte come si potrebbe pensare il contrario ho detto anche in apertura,

Nei confronti di un qualcosa che riguarda ogni singolo essere umano sulla Terra.

Tuttavia, è giusto fare chiarezza.

Noi rispettiamo l' ambiente, anzi, siamo i primi a chiedere che si usi rispetto per la tutela dell' ambiente e soprattutto.

Chiediamo attività concrete da parte dei comuni, delle regioni, eccetera, ma non concordiamo sulla te, sulle tesi catastrofiste a monte, di decisioni che non solo non risolvono, ma rischiano di incidere negativamente sulle economie. Sono economie sui costi, ma crediamo alla concretezza e pragmatismo questo e quando parlo di azioni concrete parlo per esempio della creazione di otto boschi urbani. Nell' inverno del 21 22 c'è stata la messa a dimora di circa 4000 alberi, cose che ho portato avanti, la nostra Amministrazione che abbiamo sposato questo. In tema di sostenibilità ambientale, abbiamo lavorato sulla mobilità sostenibile, sulle piste ciclabili e sulle corsie. Il bike to work, la cui adesione è stata soddisfacente, tra i 600 e i 700 cittadini, hanno aderito interventi a favore del trasporto pubblico locale primavera in busta, ad esempio, non da meno, comunque, il rinnovo del parco mezzi comunali con nuovi veicoli elettrici e nuove modalità ecosostenibile. Comunque, come partito fin dalla nostra fondazione, abbiamo prospettato politiche di rispetto per l' ambiente e proposto azioni concrete per la sua tutela.

Quindi abbiamo tutte le carte in regola per.

Considerare e valutare la bontà o meno di documenti e o prese di posizione diciamo no però all' ambientalismo, che diventa ideologia spesso e volentieri.

Diciamo no alla creazione di una sorta di realtà virtuale del clima impazzito, che coinvolge il sistema mediatico e gli ampi settori del mondo scientifico e politico,

È un po' la nuova religione del clinica climaticamente corretto, che somiglia molto a Reggio alla religione del politicamente corretto.

E poi sono molte le voci, anche autorevoli, che poi non condividono il catastrofismo sul clima, come ad esempio il professor De Ficchy, che non è esattamente negli ultimi, però ribadisco, con quello con cui ho aperto che non ci interessano gli slogan che interessa il pragmatismo quello che abbiamo sostenuto prendemmo un impegno precedentemente credo dal credo che ci si è riusciti a portarlo avanti questo impegno noi avevamo appunto già preso e non verrà meno quindi a questo punto corpo anche la dichiarazione di voto, quello che auspicava il consigliere Morgagni. Il nostro voto sarà favorevole e lo comunque, credo di averlo. Anche.

Giustificato e.

Grazie Presidente, ho concluso.

Grazie Costantini.

Non posso replicare allora non ho altri interventi, quindi.

Possiamo far replicare e poi chiudiamo il vostro Presidente, mi perdoni, allora c'è alle mani, stavo stavo leggendo un.

Una nota come.

Non ho compreso se da parte del Gruppo Lega c' erano delle questioni relative al testo che si potevano risolvere cambiando nel contenuto, comprendendo quali potevano essere le forme di dialogo su questo tema.

Stavo dicendo collega, visto che lei ha fatto un discorso in cui ha posto insomma delle questioni, anche di natura politica, su come affrontare la questione e che peraltro lei rappresenta intervenendo il gruppo di maggioranza che quindi è chiamato insieme all' Amministrazione a governare il territorio, ma forse ci saremmo aspettati che provenissero magari delle proposte di due di integrazione del testo di variazione di modifica, visto che lei giustamente ha fatto delle osservazioni anche di contenuto rispetto alle quali quindi come si traduce questo, cioè noi abbiamo compreso quello che ha detto, ma rispetto al testo che abbiamo presentato relativamente a questo tema relativamente,

Ah, la manifestazione che c'è stata operativamente dal punto di vista del testo che oggi abbiamo in discussione ci sono degli emendamenti, ci sono delle proposte, ci sono delle osservazioni, perché altrimenti non comprendo dove voglio arrivare questo. Questo intervento certo rimane nella sua costruzione politica logico, ma a questo punto manca della sua traduzione pratica, in ragione soprattutto dell' onere che la maggioranza nei confronti del territorio, a fronte di un tema che non è sicuramente semplice, è quella della transizione a come effettivamente poi si declina. Quindi io, prima che i colleghi annuncino voti o.

Insomma, addirittura si astengano dal pronunciarsi su un testo che riguarda un tema abbastanza centrale che sarà presumibilmente centrale per i prossimi tempi, magari si potrebbe chiedere quali possono essere le osservazioni che possono essere fatte e come effettivamente tradurle nel testo che abbiamo presentato perché alla fine l' occasione viene bene per fare di queste manifestazioni non un' occasione come dire,

Spoon non non spontanea ma chiusa in se stessa, cioè che si risolvono i loro stesse queste manifestazioni, ma che hanno effettivamente poi un portato un contenuto, quindi vogliamo fare questo lavoro, magari ora i colleghi che hanno il testo sotto, se sono della nella disponibilità di voler valutare quali possibili modifiche al testo noi siamo più che disponibili a valutarle comprendere come poterlo eventualmente rivedere.

Misunderstanding.

Che lui?

No, voglio dire, Presidente, posso intervenire, scusate un attimo perché mi ha chiesto una cosa Biondi che adesso torna.

Posto, prego, Consigliere.

Tanto entrando nel merito della questione, ma volevo dire al consigliere mani abbiamo detto che votiamo a favore una mozione pur con delle secondo noi alcune parole, alcuni caratteri critici, ma comunque abbiamo detto che la votiamo perché dobbiamo oggi adesso tornare sulla discussione eventualmente modificarla o edulcorare rispetto a delle frasi che non sono comunque oggetto di discussione quindi cioè va bene la mozione.

Va bene la mozione, la votiamo.

Basta.

Penso che sia così.

Così necessario andarlo a modificare.

Per favore, silenzio.

Visto che è stato chiamato in causa, chiede Costantini di intervenire gli lasciamo due minuti, molto, molto, molto, molto meno no, ragionavo sul fatto che si sia abbiamo aperto, auspicando unità su un argomento del genere, una volta ottenuta l' intervento successivo è stato quello per un per un pochino le righe iniziali questo qui mi mi sconcerta, abbastanza comunque mi sembrava vis, ecco, mi sembrava qualcosa che avrei voluto dire grazie, Costantini non so se vuole.

Voglio più più concludere Morgagni un attimo alla luce di qua degli altri interventi. No, io mi limito a sottolineare che cioè a me non piace esagerare nella retorica, però la mozione precedente diceva la sfida più grande di sempre per l' umanità. Mi sembra che la stessa iscrivendo nella stanza di là il collega Pompignoli, quindi immagino che lo pensi per cui non ho nessun motivo di credere che abbia cambiato idea. Del resto abbiamo presentato questa mozione per arrivare alla massima condivisione. Quindi, se c'è la condivisione e non è che bisogna andare a creare degli elementi di divisione, però, siccome abbiamo preso l' impegno a due anni fa e lo riaffermiamo adesso vediamo nei prossimi atti di Governo sull' urbanistica, sul commercio, sulle scelte strategiche, se questa cosa avrà una sua coerenza, perché, dal nostro punto di vista, dal nostro punto di vista ci sono già più di qualche dubbio sul fatto che quello che è stato fatto in questi due anni rispondesse a coerenza rispetto a quello che, abbiamo.

Però le avevo dato il tempo giusto per replicare a Costantini, però non è che si può fare una replica della replica per visto che ha già illustrato la mozione, voglio dire non è che è previsto un interviene tre volte.

Quindi non mettiamo in discussione i diritti elementari del dibattito democratico, per cui apprezzamento rispetto a questa condivisione e fiduciosa attesa di vedere se ad essa corrisponderà un atteggiamento nelle scelte politiche conseguente, perché poi il tema è questo, cioè gli impegni li possiamo prendere tutti, è facile prendere gli impegni più facile tradurli in a atti di Governo.

La replica era prevista per un minuto, allora io, prima di a questo punto, chiudo il dibattito e passiamo alla votazione, devo fare una precisazione, però perché non l' avevo fatta in apertura di Consiglio, ne avevamo parlato con la Capigruppo perché c'è l' ordine del giorno che riguarda il sostegno al Libano, quindi dopo questo,

Ordine del giorno, parleremo anche dell' ordine del giorno elaborato dagli uffici per dare sostegno a liberano come Consiglio comunale.

Quindi vi chiedo, per favore, di non scappare via, ma di dare un attimo anche spazio a questo invito il dottor Pini a procedere con l' appello al voto per appello.

Adesso facciamo la votazione dopo.

Okay, allora, con la votazione adesso Ancarani favorevole.

Ascari, favorevole Bagnara favorevole Balestra Bartolini favorevole bassi vedrei.

Bentivogli favorevole, Biondi.

Insomma.

Assente.

Briccola nei.

Solo un appunto scusi, siccome tempo fa era stata immessa in dubbio la mia identità perché avevo votato senza la telecamera accesa, gradirei che anche i colleghi accendono la telecamera quando votano grazie.

Brunelli favorevole.

Polveroni, onorevole Catalano, come tutte le cose condivisibili favorevole.

Ceredi favorevole, Costantini autorevole Drogheria favorevole alle mani.

Favorevole la Saponara.

Favorevoli.

Marchi.

Favorevole.

Massa favorevole, Minutillo favorevole.

Morgagni, favorevole more autorevole Pompignoli, onorevole.

Portolani.

Assente prati favorevole Rinieri favorevole.

Rivolto, assente, Samorì favorevole Tassinari.

Favorevole.

No Presidente.

Potrai deve votare.

Favorevole però, portolani, presente Ortolani, deve votare, se può accendere la farsi vedere.

Io voto favorevole, Segretario, adesso andiamo avanti, Tassinari ha votato favorevole, mi sembra.

Zanotti favorevole.

Rotini, assente da Toni, onorevole.

Quindi abbiamo 29 voti favorevoli, nessun contrario, nessun astenuto.

Grazie, dottor Pini, quindi la mozione sulla crisi climatica e ambientale è approvata all' unanimità adesso, come vi dicevo, che l' ordine del giorno elaborato dagli uffici che abbiamo.

Pensato con la Capigruppo di proporre in chiusura del Consiglio di oggi, non so se avete già avuto modo di leggerlo.

Se preferite che lo legga.

Intanto, visto che non so se tutti l' avete, avete avuto il tempo di leggerlo, lo leggo io mi chiedo scusa, io sull' ordine dei lavori, volevo capire perché.

E questo argomento non è all' ordine del giorno di oggi, ho visto che è stata inviata, io non lo so, non ero in Capigruppo, non sarà stato deciso, le dico onestamente che è una impegno chiaramente credo in linea di massima condivisibile, ma senza neanche il tempo di approfondire doverosamente questo argomento farei fatica personalmente ad esprimere un convincimento così sulla carta quindi,

Vi chiederei se prima di leggere o forse non sia opportuno e chiedo anche ai colleghi calendarizzare in un altro momento questo questo tipo di argomento, perché lo dico per manifestando la mia insipienza rispetto al contenuto di questa di questo di questo documento.

Guardi, è comprensibile la sua richiesta, l' unica cosa che.

Magari volevo così dire per informazioni e che, appunto, è una richiesta che è stata avanzata dal sessantesimo Reggimento Trieste di dare sostegno, come città e come Consiglio comunale al Libano, visto che loro sono anche impegnati in Libano, quindi già ci sono si sono mosse diverse realtà del volontariato forlivese da adesso.

Dal Comitato per la fame del mondo dai Lions deve una serie di associazioni si sono mosse e veniva chiesto anche come Consiglio comunale di intervenire a sostegno, anche perché in questo caso non manderemo,

Soldi a così o partecipazione di alla situazione così, ma sappiamo che abbiamo un presidio che è quello del sessantesimo Reggimento, tra l' altro, una cosa che avevano chiesto che alcuni avevano avanzato, eventualmente era quello che i Consiglieri il gettone del 04/11 lo devolve estero proprio al.

A questo conto corrente, che viene gestito dal sessantaseiesimo reggimento per dare sostegno alla popolazione, visto che la condizione del Libano in questo momento è peggiorata molto e mi sembra 05/11, c'è proprio una videoconferenza col Sindaco di tiro che la città dove sono distanza,

I.

Ragazzi del sessantaseiesimo che vuole illustrare appunto a Forlì, al che ai cittadini di Forlì la realtà che stanno vivendo per creare una specie di collegamento. Capisco la l' esigenza, magari di pensarci con più attenzione e quindi chiedo anche ai Capigruppo se va bene a tutti rinviarlo, eventualmente fatta una valutazione, perché potrebbe essere così gradevole, magari a dar luogo a questa iniziativa di devolvere il Co il compenso del 04/11, però quella non è una delibera che possiamo fare in Consiglio, perché ciascuno di noi che può dire mi sta bene non incassare il gettone ma aggirarlo. Ecco, volendo, volevo chiedere, possiamo anche pensare di fare un passaggio in Commissione, se non vogliamo che vogliamo alle zeri, se vogliamo alleggerire tanto di Commissioni, le facciamo tutte le settimane, mettere la condivisione del testo ripongono, arriviamo in Consiglio per dibattere, questa è un' altra proposta, poi chiedo eh sì, io magari il problema forse è quello dei tempi nel senso che si sono mossi da un po' come sessantaseiesimo a coinvolgerci. Quindi, per carità, la prossima Commissione che a questo punto sarà la terza penso che viene riunita potrà affrontare anche questo tempo. Questo argomento. è chiaro che i tempi si allungano molto.

Però per me non ci sono problemi a rinviarlo, chiedo anche ai Capigruppo perché erano prese presenti alla Capigruppo prima.

E quindi ne abbiamo parlato,

Sì, quindi prego, Biondi.

Ne abbiamo appunto parlato e ci siamo detti tutto quello che ci siamo detti.

Io credo che vada accolta questa necessità. Questo dunque io intanto non sono per confondere le due cose del 4 e del Libano, sono due cose diverse, vanno tenute distinte il 4 abbiamo detto che vogliamo fare una grande roba, anche se silenziosa per quanto ci riguarda, ma credo che alla fine il silenzio silenzio intelligente prevarrà. Su questo sono convinto che sia necessario. Per esempio, io sono curioso del collegamento del 05/11 e quando avrò capito esattamente di che cosa si tratta, sono disponibile a chiedere a tutta la città uno sforzo di solidarietà nei confronti della città di Tiro del popolo libanese e del popolo libanese.

Naturalmente affranto e nelle condizioni in cui si trova, quindi non ho non avrei nulla in contrario alla proposta avanzata Zanotti dal collega Zanotti.

Mettiamo questo ordine del giorno come promemoria per una discussione per una decisione al primo Consiglio, utile, ovviamente dopo 05/11.

E in quella sede vediamo come chiamare eventualmente la città di una risposta più ampia e solidale nei confronti di questa città,

Quindi, se va bene a tutti, facciamo in questo modo, io non faccio una votazione, ecco chi non è d' accordo con questa impostazione, comunque, anche se non abbiamo affrontato l' argomento in Consiglio e non ne abbiamo votato diciamo così però comunque avete avuto anche voi Consiglieri un' indicazione in più rispetto a questa iniziativa, a questa situazione che si sta creando proprio tra Italia, Libano e, in particolare, Forlì e Tirzo tiro, scusate, non tiene sotto tiro e quindi avrete modo di di verificare, di informarvi e poi appunto al primo Consiglio utile o alla prima Commissione anzi prima la prima Commissione utile né Afro parleremo, chiede di intervenire la collega pratico a perché acceso la luce del microfono, quindi a questo punto la seduta è tolta. Saluto tutti e vi ringrazio.

Buona serata a tutti.

Buonasera a tutti sono ragazzi che buona serata a tutti, grazie.